La Spagna rifiuta i gay nell’ECOSOC

di

La Spagna tradisce i principi europei di salvaguardia dei diritti umani nel negare all’ILGA lo status di osservatore alle Nazioni Unite

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


La Spagna è tra i 29 membri del Consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Uniti (ECOSOC) che il 30 Aprile hanno votato contro la domanda dell’ Associazione Internazionale Gay e Lesbica (ILGA) di avere status consultivo.

Nel fare ciò si è schierata con quei paesi che notoriamente violano i diritti umani delle persone lesbiche, gay, bisessuali e transgender. Questo gruppo di paesi era capeggiato dall’Egitto, nel quale nell’anno passato numerosi uomini gay o ritenuti tali sono stati sottoposti a stati d’arresto arbitrari, torture e incarcerazioni. Facevano parte di questo gruppo anche l ’Iran ed il Sudan, dove la massima pena per una relazione omosessuale consensuale è la morte, l’Uganda, dove il Presidente Mugabe da molti anni sta incitando all’odio e alla violenza contro lesbiche, gay e bisessuali. In non meno di due terzi dei paesi che hanno votato contro la domanda dell’ILGA le relazioni sessuali consensuali tra due persone dello stesso sesso sono contro la legge.

Soltanto la Spagna tra tutti i paesi dell’Unione Europea ed i paesi in via d ’adesione all’UE non sta appoggiando l’ILGA. Il fatto che la Spagna abbia la presidenza di turno dell’Unione Europea rende il suo comportamento ancora più dannoso, minando seriamente le politiche europee dei diritti umani e contro le discriminazioni, oltre che causando un notevole imbarazzo negli altri partner. La Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea garantisce in maniera specifica la libertà dalla discriminazione motivata dall’orientamento sessuale.

Gli stati membri dell’Unione Europea ed i paesi in via d’adesione che hanno votato in favore dell’ILGA sono: Austria, Italia, Finlandia, Francia, Germania, Paesi Bassi, Svezia, Regno Unito, Malta, Romania e Ungheria.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...