La Svezia approva i matrimoni gay, anche in chiesa

di

Il parlamento svedese ha approvato i matrimoni gay su proposta del governo di centro-destra. Le coppie potranno sposarsi anche alle chiese luterane mentre le altre saranno libere di...

1641 0

Il Parlamento svedese ha approvato con una larga maggioranza (261 voti favorevoli e 22 contrari, con 16 astensioni) la legge che parifica a tutti gli effetti i matrimoni fra persone di sesso diverso ai matrimoni gay. Le coppie potranno anche scegliere se celebrare le nozze in comune o in chiesa con rito luterano. La Chiesa luterana ha infatti fatto sapere di essere a favore del provvedimento, ma vanno messi a punto alcuni dettagli che saranno definiti nel sinodo di ottobre.

Il voto è arrivato al termine di un dibattito durato sei ore e ha catalizzato il consenso di sei delle sette forze politiche rappresentate (tre delle quattro di quelle che fanno parte della coalizione di centro destra al governo). Unici ad opporsi alla legge definita dalla Commissione per le questioni civili sono stati i Cristiano democratici.

Salgono così a 5 le nazioni del Vecchio Continente ad aver legalizzato i matrimoni gay. La decisione del parlamento svedese arriva infatti dopo quella del governo olandese (1 aprile 2001), di quello belga (30 gennaio 2003), di quello spagnolo (30 giugno 2005) e di quello norvegese (11 giugno 2008).

La decisione arriva dopo la presa di posizione del Parlamento Europeo che nella lista dei paesi più a rischio di omofobia metteva anche la Svezia per alcuni scontri avvenuti nel paese in occasione del Gay Pride nazionale. La Svezia è stata una dei primi paesi a riconoscere le unioni civili gay sin dal 1995. Era già possibile, infatti, formalizzare le unioni presentando una semplice dichiarazione alle autorità.

Leggi   Filippa Lagerbäck: "Io, Daniele, il GF Vip e il mondo gay che vorrei"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...