Ladri si fingono gay per evitare l’arresto

di

E' successo a Piacenza, dove due scassinatori alla vista delle divise di alcuni poliziotti si sono buttati l'uno nella braccia dell'altro fingendo di scambiarsi effusioni.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Fin dove arriva lo "sdoganamento" dell’omosessualità? Persino due ladruncoli all’avvicinarsi di una pattuglia della polizia preferiscono fingersi due gay che si scambiano effusioni…

E’ successo a Piacenza: due vercellesi, un pensionato sordomuto di 47 anni e uno stuccatore di 37, erano intenti a scassinare la saracinesca di una pasticceria del centro, ma qualcuno che ha notato movimenti sospetti, ha chiamato la polizia. Una volante si è avvicinata senza accendere i fari e senza sirena, percorrendo gli ultimi metri a motore spento. I due ladri così solo all’ultimo momento, alla vista delle divise, hanno compreso la situazione, e, in un disperato quanto inutile tentativo di sfuggire alla cattura, hanno lasciato cadere a terra gli arnesi e si sono stretti in un appassionato bacio. Come per dire: "Siamo qui solo per scambiarci effusioni…". Ma i poliziotti hanno trovato ai loro piedi torcia, lime e altri arnesi "del mestiere", che sono stati ritrovati anche nell’auto dei due.

Stamane il processo per direttissima.

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...