LATINA SI SCATENA SULLE NOZZE GAY

di

Il 19 maggio il Tribunale si pronuncerà sul riconoscimento del matrimonio contratto in Olanda tra Antonio e Mario. E quel giorno Forza Nuova sarà in piazza con il...

675 0

LATINA – Ci sarà anche il segretario nazionale di Forza Nuova Roberto Fiore al presidio che l’organizzazione di estrema destra ha organizzato in occasione della annunciata sentenza con cui il Tribunale di Latina si pronuncerà sulla richiesta di riconoscimento del loro matrimonio avanzato da Mario Ottocento e Antonio Garullo, sposatisi secondo la legge olandese.
Contro l’iniziativa di Forza Nuova si è espresso anche Mauro Visari, il consigliere comunale diessino che nel 1997 propose l’istituzione di un registro delle coppie di fatto nella cittadina laziale: «la città non è rappresentata da quattro fascisti ma da una comunità tutt’altro che clerico-bigotta – ha detto – Ho parlato più volte con Garullo ed Ottocento e credo non siano mai stati oggetto di discriminazioni. Il fatto che il territorio pontino sia più aperto di quanto non creda Forza Nuova lo dimostra il fatto che esso ospita più di 4000 immigrati. Infine, che dire. Se loro dicono che Zapatero, il premier spagnolo a cui si deve l’apertura iberica verso le unioni omosessuali non abita a Latina, io dico invece “Viva Zapatero”».

Antonio Garullo e Mario Ottocento, dopo essersi sposati a L’Aia il 1° giugno del 2002, hanno avviato lo scorso anno le pratiche per ottenere il riconoscimento del loro matrimonio in Italia. L’ufficio di Stato Civile di Latina, tuttavia, aveva respinto nell’ottobre del 2004 la loro richiesta dopo aver sentito in merito il Ministero dell’Interno, perché il loro matrimonio sarebbe “contrario all’ordine pubblico”. A gennaio l’avvocato Alessandro Mariani aveva presentato ricorso al tribunale di Latina, che dovrebbe pronunciarsi in merito il prossimo giovedì 19 maggio.
Riguardo alla polemica sollevata da Forza Nuova i due sposi mantengono la riservatezza: «Tutto ciò che posso dire – ha dichiarato Antonio Garullo a ‘Il Tempo’ – è che noi stiamo seguendo la vicenda dal punto di vista del Diritto, fiduciosi nei confronti della Giustizia e certi che la legge seguirà il suo percorso. Questa nostra fiducia non tiene conto di manifestazioni di altro tipo».
Clicca qui per discutere di questo argomento nel forum Movimento Omosessuale.

Leggi   Ryan Atkin, primo arbitro di calcio gay: "L'omofobia è un problema, ma le regole del gioco si possono cambiare"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...