Le coppie gay bussano alla porta di Pisapia: “Vogliamo delle risposte”

di

Si sono sposate all'estero e da mesi attendono delle risposte dal sindaco, che si nega.

4372 0

Questa mattina dodici coppie di persone dello stesso sesso si sono presentate presso negli Uffici dello Stato civile del Comune di Milano per chiedere la trascrizione del loro certificato di matrimonio estero.

A raccontarlo è l’associazione Rete Lenford che ha promosso l’iniziativa.

Tutto è iniziato dopo la storica sentenza del tribunale di Grosseto che ha imposto la registrazione del matrimonio di una coppia gay celebrato a New York. “I contatti con noi e Rete Lenford sono stati avviati da Casa dei diritti e dall’assessore Majorino ad aprile e sembrava fosse stata finalmente presa la decisione di seguire l’esempio di Bologna – spiega una delle coppie coinvolte – ma solo pochi giorni fa, dopo un silenzio durato quasi due mesi, l’Assessore ha fatto una vistosa retromarcia, riferendo di non essere in grado di esplicitare l’orientamento dell’Amministrazione”.

Le coppie si sono rivolte a Pisapia con una lettera in cui accusano il primo cittadino di essere a favore dei diritti civili, ma “solo a parole”. Nella lettera, le dodici coppie si chiedono perché tante città iniziano a trascrivere i matrimoni egualitari “ma non Milano, la città più europea d’Italia, come si dice sempre, evidentemente non in fatto di diritti. Milano che l’anno prossimo sarà il cuore del mondo, che dopo anni a destra ha un sindaco fieramente di sinistra”.

Segue una lunga lista di date che, dal 9 aprile scorso, ripercorre le tappe del dialogo “finito due mesi fa in un vicolo cieco”, instaurato da Rete Lenford con l’assessore Majorino.

E appellandosi all’art. 3 della Costituzione, le 12 coppie parlano di “principi validi solo sulla carta, anche quando vi è una legge che basterebbe applicare”.

Al momento, infatti, le divergenze all’interno della Giunta hanno impedito qualsiasi passo avanti ed è per questo che stamattina l’associazione è andata a bussare alla porta del primo cittadino in compagnia dei diretti interessati, coppie milanesi dello stesso sesso sposatesi all’estero.

“Chiediamo al Sindaco Pisapia un’assunzione di responsabilità – scrive Rete Lenford in una nota – perché spetta solo a lui decidere su questa materia”.

[Foto e video: Repubblica.it]
Leggi   Milano, aggressione omofoba a sassate tra minorenni
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...