LESBICHE E MADRI

di

Padova, giornata della maternità lesbica. De Simone provoca: "Anche la Madonna fecondata in maniera eterologa". Un convegno Arcilesbica nazionale e sedi nord est, tra diritti negati e storie...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


PADOVA. In attesa dell’apertura del PadovaPride2002, l’ultimo appuntamento è stato con la GIORNATA DELLA MATERNITÀ LESBICA: dalla fecondazione alla nascita e cura di un figlio. Un incontro organizzato da Arcilesbica Trentino Alto Adige, Udine, Verona e Arcilesbica nazionale che ha avuto un ottimo riscontro di pubblico e un generale apprezzamento per il tema trattato e per le testimonianze di maternità vissute dalle ospiti intervenute che hanno condiviso le loro esperienze: felici, dolorose e di battaglie quotidiane.

Apertura di Giovanna Camertoni, portavoce femminile del PadovaPride2002, che ha bene introdotto la conferenza e spiegato l’importanza che il Pride di Padova riveste anche per la comunità lesbica del Nordest.

Tecnico ma appassionato l’intervento di Titti De Simone, deputata di Rifondazione, che ha toccato il preoccupante stato in cui versa la legge sulla procreazione medicalmente assistita, in discussione il prossimo 28 maggio in Parlamento. “Una legge che così com’è – precisa la De Simone – è apertamente discriminatoria nei confronti delle donne single e delle coppie di fatto tutte, omo o etero che siano”. Nel suo intervento l’onorevole ribadisce come ancora oggi fa paura che la donna possa decidere di sé e vivere a pieno la sua autodeterminazione e autonomia, costringendola a non abbassare mai la guardia e a difendere costantemente i diritti finora conquistati. “Lo scenario non è dei più facili, l’attuale legge – continua – mentre tutela fino all’eccesso l’embrione, non solo trascura, ma addirittura costringe la donna che vuole avere un figlio ad esporsi a grevi rischi per la sua salute”. La De Simone chiude il suo intervento ribadendo con forza che “nessun legislatore potrà mai impedire ad una donna di essere madre” e criticando in maniera ironica le lacune che la legge in via di approvazione presenta in fatto di fecondazione, visto che “anche la Madonna è stata fecondata in maniera eterologa”.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...