Lesbiche inibite nell’isola di Lesbo

di

Il governatore dell'isola si lamenta che le turiste omosessuali si scambiano effusioni in pubblico, e chiede loro di farlo solo in aree predisposte.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
512 0
512 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Il governatore della popolare isola greca di Lesbo affollata di turiste lesbiche, ha dichiarato lo scorso venerdì che le coppie di donne devono comunque contenersi per evitare di offendere i residenti locali, secondo quanto riportato dalla rivista online The Advocate.

«Si esprimono pubblicamente davanti ai bambini e alle famiglie sulle spiagge, o quando mangiano nei ristoranti della costa» ha detto Dimitris Vounatsos, governatore dell’isola di Lesbo nel mare Egeo.

Il governatore ha anche dichiarato che «possono fare quello che vogliono ma in un’area riservata, e noi utilizzeremo i soldi che spendono per lo sviluppo del turismo». L’isola è, da molto tempo, uno dei luoghi preferiti di turismo per le lesbiche, perché la poetessa, amante delle donne, Saffo visse lì; è per questo che la parola lesbiche ha derivazioni nel nome dell’isola.

I complessi turistici della costa di Lesbo hanno alcuni alberghi e bar esclusivi per donne, che sono stato occasionalmente motivo di protesta da parte delle autorità locali. L’anno scorso, l’incaricato di uno dei complessi, Eressos, cercò di impedire la sistemazione di un gruppo di lesbiche britanniche, con la motivazione che la loro presenza disturbava la città. Più tardi, ha dovuto ritirare le sue affermazioni.

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...