Londra, aveva con sé farmaci antiretrovirali: ragazzo sieropositivo non può entrare al G-A-Y

di

Il ragazzo si sfoga così: "Umiliato davanti a decine di clienti e ai miei amici".

9799 4

Polemiche nella comunità LGBT di Londra: il celebre locale G-A-Y è finito nella bufera dopo aver respinto un ragazzo sieropositivo.

Oliver, ragazzo sieropositivo di 24 anni, è stato rimbalzato all’ingresso del locale perché aveva con sé due farmaci antiretrovirali: il Truvada e l’Efavirenz. Non sono servite le spiegazioni del giovane, che ha giustificato con dovizia di particolari la situazione: l’ingresso gli è stato negato. “Non puoi portare farmaci in un locale notturno” si è sentito ripetere.

Oliver, desideroso di trascorrere qualche ora di svago all’interno del locale, ha proposto allora ai buttafuori di gettare le pillole, ma il no è rimasto tale. Il ragazzo ha denunciato l’episodio a BuzzFeed: “Persino in aeroporto, quando mi chiedono che medicinali siano, mi prendono da parte per parlarne privatamente. In questo caso ero ancora in coda, di fronte a decine di clienti, ai miei amici e al personale: è stato umiliante, sono stato mortificato”.

E ha aggiunto: “Essendo un locale gay, nel momento in cui ti spiego che sono farmaci antiretrovirali la discussione dovrebbe finire. Credo siano degli irresponsabili. È un’ulteriore sfida che le persone sieropositive devono affrontare. Non andrò mai più al G-A-Y”.

L’episodio in questione risale a qualche giorno fa e, al momento, nessun commento o scusa ufficiale da parte del noto club sono ancora giunti.

Leggi   Gay o etero? Lo scopre un algoritmo in base a una foto del volto
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...