“Manchester è piena di donne grasse, ecco il perché di tanti gay”: giornalista russa omofoba si scaglia contro donne e comunità LGBT

di

E rincara la dose: "Oppure è perché non sono stati picchiati abbastanza dalle loro madri quando erano piccoli".

CONDIVIDI
468 Condivisioni Facebook 468 Twitter Google WhatsApp
26292 9

Manchester è talmente piena di donne grasse da spingere gli uomini a diventare gay”: è una delle frasi contenute all’interno di un articolo del magazine russo Komsomolskaya Pravda, firmato dalla colonnista Alisa Titko, che ha dedicato qualche riga alla città inglese, condannata per la sua “dissolutezza”, in una recensione che ha catalizzato l’attenzione (e lo sdegno) di tutti i media inglesi.

Le ragazze locali non hanno problemi se il grasso pende dal loro stomaco e dal loro corpo e se non riesce a essere coperto dai jeans. Quando vanno nelle discoteche, inoltre, indossano strettissimi leggings e vestiti mini. Certo, non è molto probabile che gli uomini diventino gay perché le donne inglesi sono troppo grasse e poco sensuali, ma è un aspetto che può comunque influenzarli.

La giornalista ha trovato il modo per rincarare la dose: “A Manchester c’è un’intera parte della città per le persone gay: nessuno me lo aveva detto, l’ho scoperto da sola mentre stavo camminando. Ci sono bar, caffè e discoteche con piccole bandiere arcobaleno. Ovviamente un giovane ragazzo con una ragazza può entrare in questi club, ma devono sapere che se qualcuno si avvicina non è solo per qualche chiacchiera ma per qualcosa di più profondo”.

La giornalista, capitata per caso nel quartiere gay-friendly di Manchester, ha notato con sdegno i poster espliciti nei locali e le coppie omosessuali che si tenevano per mano e si coccolavano: “Una cosa disgustosa secondo la giornalista, che elogia invece la sua Mosca: “Menomale che qui non ci sono strade gay. Manchester dimostra cosa Mosca non dovrebbe mai diventare: Mosca non può dimostrarsi tollerante nei confronti delle coppie dall’orientamento sessuale non tradizionale“.

In chiusura Alisa Titko espone la sua teoria circa la presenza (numerosa) di persone omosessuali in Russia: “Il fatto che sempre più persone dall’orientamento sessuale non tradizionali vivono in Russia dipende dai comportamenti delle loro madri, che non li hanno picchiati abbastanza quando erano bambini. Rimaniamo Russia, non lasciamo spazio alla dissolutezza“.

Leggi   "Gay per colpa di un antidolorifico", l'assurda denuncia dal Regno Unito
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...