Manifestazioni gay a Parigi contro Mugabe

di

Quattro giornalisti che seguivano una delle manifestazioni contro l'arrivo a Parigi per il vertice franco-africano del presidente dello Zimbabwe Robert Mugabe sono stati fermati dalla polizia.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
781 0

PARIGI – Quattro giornalisti che seguivano una delle numerose manifestazioni contro l’arrivo a Parigi per il vertice franco-africano del presidente dello Zimbabwe Robert Mugabe sono stati fermati dalla polizia e trattenuti a lungo in un furgone dei gendarmi mobili.
L’Unione europea ha confermato proprio ieri l’embargo contro Mugabe, accusato di gravi violazioni dei diritti umani, e di aver espropriato con la violenza le terre dei coloni bianchi, nel 2000. Ha pero’ concesso una deroga alla visita che ha provocato le ire di Tony Blair.
I giornalisti della Agenzia France Presse, della BBC, dell’Associated Press e della televisione sudafricana SABC sono stati portati sul furgone nonostante avessero mostrato le loro tessere professionali. Anche una ventina di manifestanti sono stati fermati per controllo di identita’.
Le manifestazioni si sono svolte davanti all’hotel Plaza Athenee, in avenue Montaigne, dove alloggia Mugabe, davanti all’ambasciata dello Zimbabwe e in place Vendome, davanti al ministero della giustizia dove e’ stata depositata una denuncia per torture contro Mugabe. Tra la folla dei manifestanti, oltre a parecchi cittadini dello Zimbabwe, c’erano molti militanti di associazioni gay e lesbiche, che hanno inalberato cartelli con scritto ‘Mugabe torturatore, criminale, omofobo’. Robert Mugabe e’ infatti noto per il suo profondo disprezzo per gli omosessuali, e ha perfino tacciato il premier britannico Tony Blair di essere “uno squallido omosessuale”.

Leggi   Kenya, il test anale sui gay è stato dichiarato illegale
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...