Manifesto: Vauro omofobo? Un gay protesta

di

"Confindustria: l'apertura - l'ennesima 'inculata' per gli operai". La vignetta di Vauro sul "Manifesto" del 24 maggio, non è piaciutaa un giovane lettore gay del quotidiano della sinistra.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


ROMA – "Confindustria: l’apertura – l’ennesima ‘inculata’ per gli operai". La vignetta di Vauro sul "Manifesto" del 24 maggio, che metteva alla berlina la posizione degli industriali sull’articolo 18, non è piaciuta per niente a un giovane lettore gay del quotidiano della sinistra, che ha scritto alla redazione per esprimere il suo disagio.

Il lettore Michele Gricolo, che scrive da Copenaghen dove sta conducendo una ricerca in materia di sessualità al centro danese per i diritti umani, accusa Vauro di fare dell’ironia omofoba. "Condivido il messaggio di Vauro – scrive – ma è la sua rappresentazione che mi lascia perplesso, perchè ammicca a mio avviso al senso comune omofobo e così, ridendoci su, tale senso comune ne esce complessivamente rafforzato".

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...