Marina mette sotto sale i diritti, Luxuria ricorda le distanze con FI

di

La figlia di Silvio vuole accantonare il tema. Luxuria: "Ok la Pascale, ma siamo diversi"

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
3986 0

Non ha rilasciato dichiarazioni ufficiali, Marina Berlusconi, su una delle questioni che sta dividendo il partito fondato dal padre e di cui qualcuno la vorrebbe erede. Ma secondo quanto riporta Libero, quotidiano da sempre vicino ad Arcore, la figlia dell’ex premier avrebbe fatto sapere al partito che la cosa migliore è mettere da parte la questione dei diritti civili, almeno per il momento. Come dire, ci sono questioni più urgenti.

Intanto il tesseramento di Francesca Pascale continua a tenere banco e oggi arriva il commento di Vladimir Luxuria, impegnata nella presentazione del suo ultimo libro, “L’Italia migliore”, ad un festival pugliese.

“Se la Pascale si è iscritta all’Arcigay, allora mi posso iscrivere a Forza Italia – ha chiesto retoricamente l’ex parlamentare -? No. I miei transiti li ho fatto dal punto vista sessuale. Dal punto di visto politico no. Accogliamo con piacere l’apertura della Pascale ma restano differenze con Forza Italia”. E poi aggiunge che l’apertura della compagna di Berlusconi e di almeno una parte del suo partito “non mi sorprendono e le apprezzo. Per arrivare a nuove leggi su questi temi in Parlamento ci vogliono i voti. Non dimentico che qualche anno fa i Dico e i Pacs non passarono perché c’era l’ostilità delle componenti teodem nel centrosinistra”.

Leggi   Vladimir Luxuria: "Gay nel nuovo Parlamento? Molti di più di quelli noti"
Tutti gli articoli su:
Personaggi:

Commenta l'articolo...