Mario Adinolfi: “Mi hanno invaso con gli arcobaleni su Facebook”

di

"I Pride? Non raccontano molto. Raccontatemi qualche vero episodio di omofobia".

71339 7

È di poche ore fa l’introduzione della reazione arcobaleno su Facebook e c’è già chi fatica a sopportarla: tra questi non poteva che figurare Mario Adinolfi.

Mario Adinolfi denuncia dalle frequenze di Radio Cusano Campus una proliferazione senza misura di questi arcobaleni in miniatura: “Me ne hanno messi a migliaia. E su Facebook c’è un evento – programmato per il 24 giugno – per un assalto web arcobaleno sulla mia pagina. Quale ragione c’è di organizzare un evento simile? Questa è solo violenza unilaterale di una lobby potente”.

Secondo le parole del leader del Popolo della Famiglia, l’emoticon arcobaleno sarebbe una fotografia della dimensione di potere ormai assunta dalla lobby LGBTQI+. Le associazioni LGBT ormai stanno al potere e sono discriminatorie. Perché non c’è, ad esempio, l’emoticon del Popolo della Famiglia? Oppure una con bimbo, mamma e papà? A voi sembra normale che abbiano concesso loro un’immagine?”.

Nel corso dell’intervista, infine, Adinolfi ha espresso i suoi pareri in merito ai Pride: “Queste manifestazioni con tanti politici e tanti potenti raccontano poco rispetto a quello che vorrebbero far credere sulla discriminazione, che in Italia non c’è. Raccontatemi qualche vero episodio di omofobia”.

Leggi   Brasile, boom per il primo Pride senza sovvenzioni pubbliche
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...