Mario e Antonio, sposi ad Amsterdam

di

Saranno la prima coppia italiana ad unirsi in matrimonio grazie alla nuova legge olandese: poi chiederanno il riconoscimento nel nostro paese.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


LATINA 14 MAR – Si sposeranno a fine maggio ad Amsterdam Mario Ottocento, 29 anni e Antonio Garullo, 37 anni, la coppia omossessuale di Latina che da tempo convive e gestisce un laboratorio di ceramica artistica nel capoluogo pontino. I due avevano annunciato alla fine di settembre l’intenzione di unirsi in matrimonio in Olanda, dove questo è consentito, per poi avviare la pratica per il riconoscimento delle nozze in Italia.

Mario Ottocento partirà sabato 23 marzo per la città olandese, dove prenderà la residenza, poi ci sarà giusto il tempo di effettuare i passaggi burocratici prima della celebrazione delle nozze. "Dobbiamo ancora fissare la data ma riteniamo che per fine maggio sia possibile arrivare a questo evento – hanno detto – paradossalmente per unirci siamo costretti a separarci". La coppia già a metà novembre è stata in Olanda per verificare la possibilità di trovare una sistemazione e ha avviato contatti con una associazione gay.

"Abbiamo il sostegno di molti amici e dei parenti – hanno detto – sono pronti a seguirci per questo avvenimento. Latina non è una città come quella che vorrebbero certi stereotipi, conduciamo un’esistenza normale e non abbiamo mai avuto difficoltà di alcun genere".

I due già oggi compaiono sullo stesso stato di famiglia all’anagrafe ma solo perchè vivono nella stessa casa: "E quel documento non vale nulla – hanno aggiunto – sposandoci in un Paese che ha già recepito la normativa europea avvieremo la richiesta di riconoscimento e siamo pronti ad affrontare la battaglia nei diversi gradi di giudizio in Italia e se necessario anche alla Corte di giustizia europea".

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...