Maxiretata a Londra

di

Scoltland Yard dà il via ad una campagna contro i crimini dettati dal razzismo e dall'omofobia. Diversi gli arresti.

572 0

Offensiva contro violenza e crimini razzisti e omofobici a Londra. Un centinaio di persone sono state fermate l’altro giorno dalla polizia in diversi quartieri della capitale nell’ambito della campagna lanciata da Scotland Yard contro i cosiddetti "heat crimes", i reati di odio.

Poster, opuscoli e spot proiettati nei cinema invitano il pubblico a non tollerare tali crimini e a denunciare i responsabili. La campagna, mirata soprattutto ai giovani, prevede visite di agenti nelle scuole per sensibilizzare gli studenti. Tra i fermati ci sono individui sospettati di aver compiuto aggressioni razziste e contro omosessuali, mariti violenti, un presunto stupratore, oltre ai responsabili di pubblicazioni che incitano all’odio razziale.

Come sappiamo, in Italia ad oggi esiste una legge, la cosiddetta Legge Mancino, che penisce pesantemente i reati dal razzismo, dalla xenofobia e dall’antisemitismo e non include ancora i reati dettati dall’omofobia. Purtroppo, questa legislatura non è stata in grado di modificare la legge.

Leggi   Indonesia, nuovo raid in una sauna gay: 58 arresti
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...