“Milano annulli gemellaggio con San Pietroburgo”

di

L'associazione Certi Diritti rivolge un appello al comune di Milano perché revochi il gemellaggio con la città che punisce la "propaganda dell'omosessualità". Testimonial Moni Ovadia e Lella Costa.

4368 0

Il comune di Milano revochi il gemellaggio con San Pietroburgo. E’ l’appello che l’associazione Certi Diritti rivolge a Palazzo Marino in occasione del 45esimo anniversario della firma dell’accordo tra le due città.

La ragione è l’apporvazione lo scorso 29 febbraio da parte del parlamento della città russa di una legge che punisce la cosiddetta "propaganda dell’omosessualità" colpendo di fatto qualsiasi attività di informazione e di tutela dei diritti che le associazioni lgbt locali possano intraprendere.

Una violazione della libertà di espressione e di associazione, "nonché degli impegni presi dalla Russia ratificando la Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali – si legge nell’appello dell’associazione -. Questa legge assurda, condannata anche dal Parlamento Europeo, ha già colpito molti cittadini russi che hanno tentato di manifestare per i diritti delle persone lgbti e per questo sono stati arrestati e multati". Per questo l’Associazione Certi Diritti ha promosso una mozione al Consiglio Comunale, firmata da tutti i capigruppo della maggioranza, per chiedere la revoca o la sospensione del patto di gemellaggio tra Milano e San Pietroburgo, mozione già approvata all’unanimità dal Consiglio di Zona 2.

E come testimonial della propria campagna, l’associazione ha scelto nomi d’eccezione della cultura e dello spettacolo tra cui Moni Ovadia, Lella Costa, Elio De Capitani e di tutta la compagnia dell’Elfo,  lo storico Aldo Sabino Giannuli e l’ex direttore di Radio Popolare Danilo Di Biasio, solo per fare alcuni nomi. A tutti loro è stato chiesto di girare un video per supportare l’appello dell’associazione. I video sono visibili sulla pagina Facebook della campagna.

"Speriamo che il Consiglio Comunale ascolti l’appello di queste personalità della cultura milanese – ha commentato Yuri Guaiana, segretario dell’associazione radicale -e decida finalmente di discutere la mozione che da sei mesi giace nei cassetti municipali, dando così un segno tangibile a favore dei diritti umani e delle libertà fondamentali".

Leggi   Egitto, dopo gli arresti ora si discute legge anti-gay
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...