Condannato parroco: pagò minore tossicodipendente per sesso

di

A Baggio (MI): un anno e dieci mesi di carcere, per i fatti, avvenuti tra il 2009 e il 2011. Coinvolto anche il fondatore di una cooperativa per...

CONDIVIDI
86 Condivisioni Facebook 86 Twitter Google WhatsApp
3087 0

Don Alberto Paolo Lesmo, parroco di Santa Marcellina e decano di Milano Baggio è stato condannato a un anno e dieci mesi di carcere per aver avuto rapporti sessuali a pagamento con un minore. Per i fatti, avvenuti tra il 2009 e il 2011, l’accusa aveva chiesto tre anni e quattro mesi.

Già lo scorso marzo, l’arcivescovo di Milano Angelo Scola, aveva provveduto a sospendere don Lesmo da tutti gli incarichi ecclesiastici. Nella vicenda è coinvolto anche un altro imputato, Guido Milani, che è stato invece condannato a quattro anni e sei mesi.

Don Lesmo avrebbe contattato il giovane in chat e non nell’ambito della parrocchia. Il ragazzo, che all’epoca dei fatti aveva tra i 15 e i 17 anni, faceva uso di cocaina e si prostituiva abitualmente, chiedendo ad ogni cliente tra i 150 e i 200 euro per volta. Tra i suoi clienti ci fu appunto anche il parroco di Baggio. A un certo punto però il ragazzo, evidentemente segnato da una situazione molto difficile, tentò il suicidio e fu ricoverato in un ospedale milanese. In seguito alla segnalazione del personale medico le forze dell’ordine si sono attivate ed è partita l’indagine. Il minore ha in seguito raccontato tutto ai genitori e poi ha sporto denuncia.

L’altro imputato, Guido Milani, è fondatore e presidente della cooperativa ‘Ragazzi e cinema’ di Lecco, un progetto nato per aggregare i più giovani attraverso la realizzazione di cortometraggi, documentari e produzioni televisive.

Anche lui era accusato di essere un cliente del giovane ma, in più, in un’occasione lo avrebbe anche costretto a un rapporto non consenziente e diverse volte gli avrebbe fornito della cocaina (3 grammi a prestazione). Per questo a Milani sono contestate le accuse di violenza sessuale e di cessione di stupefacenti, oltre a quella di prostituzione minorile. Il ragazzo, oggi maggiorenne, ha cambiato vita e si è iscritto all’università.

Leggi   Vicenza, il prete che benedì gli anelli di un'unione civile: "Rifarei tutto"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...