Milano: le autorità al Gay Pride?

di

Gli organizzatori hanno mandato un formale invito al Sindaco ed ai Presidenti di Provincia e Regione da parte della Comunità Omosessuale milanese perché partecipino alla sfilata di sabato...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


MILANO – Il Coordinamento Arcobaleno, organizzatore del Gay Pride di Milano, ha inviato oggi al Sindaco di Milano Gabriele Albertini, al Presidente della Provincia Ombretta Colli e al Presidente della Regione Roberto Formigoni, un invito formale a partecipare alla manifestazione del 22 giugno prossimo.

«In Italia, come in tanti altri Paesi d’Europa e nel mondo – scrive Arcobaleno – il Gay Pride rappresenta un importante momento contro tutte le discriminazioni, siano esse visibili o nascoste, per il riconoscimento di Diritti Civili a persone che ancora ne sono private. E’ una manifestazione che coinvolge tantissime persone, omosessuali e non, di qualunque credo religioso e di qualunque formazione politica, come si è visto a Roma nel 2000 e a Milano nel 2001».

«Per questo il Coordinamento Arcobaleno auspica che le Autorità vogliano accogliere l’ invito, per portare il saluto della Città, della Provincia e della Regione alle donne e agli uomini che parteciperanno al Pride».

Il corteo, che percorrerà il centro cittadino da Porta Venezia a Largo Cairoli, è la manifestazione conclusiva di 15 giorni di eventi ludici e culturali, tra cui un incontro con i politici cittadini di vari partiti, incentrati su tematiche inerenti la comunità omosessuale e transessuale milanese.

Coordinamento Arcobaleno è costituito dalla maggior parte delle associazioni e dei gruppi gay, lesbici e transessuali operanti nell’area di Milano, allo scopo di confrontarsi e dialogare, per condividere esperienze, elaborare strategie di lotta e maturare decisioni comuni circa le azioni rivendicative, tra cui il Pride Milano 2001 e il Pride Milano 2002.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...