MILLE MODI DI AMARE

di

Esiste una Chiesa che sa accogliere le persone omosessuali. Che aiuta la visibilità gay in famiglia. A Pinerolo, una due giorni su "Fede, famiglia, figli gay e lesbiche"....

703 0

PINEROLO – Che spazi offre la Chiesa alle unioni affettive gay? Quale aiuto alle famiglie che vivono l’omosessualità di un loro membro con angoscia? E’ proprio vero, infine, che tutta la Chiesa è arroccata su posizioni di condanna verso il riconoscimento delle coppie gay? Il Gruppo "La scala di Giacobbe" e la Comunità Cristiana di base di Pinerolo organizzano una due giorni di spiritualità che vuole indagare la realtà della famiglia senza pregiudizi, offrendo a tutti un’occasione per comprendere meglio e per comprendersi meglio.

L’incontro "Mille modi di amare – Fede, famiglia, figli gay e lesbiche" si svolgerà a Pinerolo, sabato 28 e domenica 29 settembre, ed è aperto a "chiunque voglia confrontarsi e approfondire". Nasce da un’iniziativa del gruppo "La Scala di Giacobbe", comunità di incontro, di amicizia, di riflessione biblica e di confronto, ai cui incontri mensili sono invitati gay, lesbiche e transessuali credenti o interessati ad un cammino di fede.

«Questo incontro – spiega don Franco Barbero, animatore della Comunità di Base di Pinerolo – si prefigge di costruire ponti di comunicazione e di tenerezza tra le persone (etero, omo, trans) e di favorire la visibilità dell’esperienza omosessuale».

E’ un modo anche per dimostrare che all’interno della Chiesa esistono anche persone che agiscono con convinzione per sostenere e incoraggiare le relazioni affettive tra persone dello stesso sesso: «In presenza di una concezione fondamentalista cattolica che ribadisce la famiglia eterosessuale come modello unico di amore – sottolinea ancora Barbero – noi intendiamo evidenziare che, accanto alla famiglia tradizionale, esistono altri mille modi di amare, ugualmente degni e fecondi per la società e le persone».

Durante la giornata di sabato, i partecipanti potranno assistere alla proiezione del video “Nessuno Uguale, adolescenti ed omosessualità” realizzato con il contributo dell’Agedo, e a un dibattito pubblico con Paolo Rigliano autore del libro “Amori senza scandalo. Cosa vuol dire essere lesbica e gay”. Nel pomeriggio, è anche previsto uno spazio di interventi liberi e dibattito, con i racconti di esperienze vissute da madri e figli.

«Insomma – conclude Barbero – c’è un vasto e felice “sommerso” che vuole emergere. L’amore non si lascia imprigionare in uno o due modelli, ma straripa da ogni “contenitore” … e cerca sempre un “mondo altro”.

MILLE MODI DI AMARE”
Fede, famiglia, figli gay e lesbiche
Sabato 28 e domenica 29 settembre 2002 – Pinerolo

SABATO 28 SETTEMBRE (sede del Fat ONLUS, vicolo Carceri, 1)
Ore 16.00 Proiezione del video “Nessuno Uguale, adolescenti ed omosessualità”
Ore 17.00 “Madre e figlio si raccontano”. Interventi liberi e dibattito
Ore 19.00 Cena insieme
Ore 21.00 centro sociale di via Clemente Lequio Dibattito pubblico con Paolo Rigliano autore del libro “Amori senza scandalo. Cosa vuol dire essere lesbica e gay” Introduce e coordina don Franco Barbero

DOMENICA 29 SETTEMBRE (centro sociale di Via dei Rochis, 3)
Ore 10.00 Celebrazione Eucaristica a cura del gruppo“La scala di Giacobbe”
Ore 12.30 Pranzo insieme – presso la sede della comunità (c.so Torino 288)

Per informazioni e prenotazioni: info@viottoli.it

Leggi   Matteo B. Bianchi: "La mia Madonna ha i jeans e accoglie tutti"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...