Minacciato di outing a elezioni università, fa coming out

di

È candidato alle elezioni universitarie e per questo ha ricevuto una lettera anonima con la minaccia: ritirati o ti sputtaniamo. Per questo ha deciso di rivelare prima lui,...

4418 0

Gli hanno fatto trovare un biglietto anonimo in classe pieno di insulti e una minaccia finale: "O la smetti di occuparti di quello che stai facendo e ti togli dalla testa di ricandidarti alle prossime elezioni o ci costringerai a dire a tutti che sei omosessuale e a sputtanarti per quello che sappiamo. Non ti avvertiremo più!". Per questo Federico Gilardoni ha deciso di fare per primo il passo e dichiararsi gay.

Gilardoni, 26 anni, rappresentante degli studenti dell’Università dell’Insubria e candidato alle elezioni successive – motivo per cui ha ricevuto la minaccia – non ha chinato la testa di fronte a quel biglietto ma senza nemmeno denunce formali alla Questura: «Non voglio dare importanza a queste persone – racconta al Corriere di Como -, sono sereno e contento per ciò che faccio». Parla del compagno ("la persona con la quale vorrei invecchiare")

Un sostegno di cui parla anche quando racconta della sua famiglia: "Spero di non causare dolore ai miei cari, che comunque conoscono perfettamente la mia condizione. Voglio ringraziare la mia famiglia, che mi ama incondizionatamente, i miei genitori in particolare. E il mio compagno, che è stato ed è la mia più grande forza. Se ho deciso di fare un passo simile, la società dovrebbe riflettere sui motivi che mi hanno portato qui".

Leggi   Ryan Murphy: "Mio padre mi prese a cinghiate quando scoprì che sono gay"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...