Modena: debuttano "quei pazzi degli arabi"

di

Integrazione e lotta alle discriminazioni nell'ultimo progetto del regista omosessuale Ennio Trinelli, con dodici attori magrebini e quattro italiani.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Debutta al Teatro San Giovanni Bosco, via San Giovanni Bosco, 150 Modena, lunedì 25 e martedì 26 alle ore 21.15 (ingresso € 5,00) la nuova versione dello spettacolo HARB (La Guerra) spettacolo/azione progetto e regia di Ennio Trinelli.

Harb parola araba per Guerra. Il desiderio di riflettere sulle ragioni che la provocano riflettendo sulla guerra che ognuno di noi si porta dentro. La manifestazione della guerra attraverso l’azione teatrale. In quadri semplici, quasi elementari, la Guerra come pazzia, la pazzia che genera mostri, i mostri che combattono la guerra: la guerra rende uguali nella disperazione, uguali nella necessità di sentirsi diversi – nel giusto – per giustificare il pregiudizio che giustifica il giudizio che giustifica l’azione che giustifica le morti e le barbarie.

Dodici attori di cultura maghrebina (dieci tunisini e due marocchini), dalle più diverse abilità (molti di loro sono in grado di danzare, recitare, cantare, suonare anche più di uno strumento musicale) con la partecipazione di quattro attori italiani, per un progetto che l’associazione lamanicatagliata sta realizzando in collaborazione con la Provincia di Modena e il Comune di Modena e che prende il nome di CES DROLES DES ARABES (quei pazzi degli arabi).

CES DROLES DES ARABES è un progetto teatrale di cui HARB è soltanto la prima tranche e che partendo proprio dal nome (quei pazzi degli arabi) vuole evidenziare la grande difficoltà che le diverse culture incontrano nel lasciarsi penetrare l’una dall’altra quando la volontà di conoscenza rimane a un livello superficiale.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...