Montenegro, il Consiglio d’Europa ammonisce: “Comunità LGBT bersaglio di odio”

di

L'organo anti-discriminazione chiede più tutele e diritti.

1695 1

Le persone LGBT sono “il più comune bersaglio di atti e discorsi d’odio” in Montenegro: a dirlo il Consiglio d’Europa.

L’Ecri, l’organo anti-discriminazione del Consiglio d’Europa, in un documento-rapporto sul Paese (che include i dati raccolti durante la visita nell’ottobre 2016 e l’evoluzione fino a marzo 2017) certifica interessanti progressi per quanto riguarda la tolleranza multietnica e per l’introduzione di alcune misure volte a migliorare le condizioni di vita delle comunità rom: “Il Montenegro è un buon esempio di tolleranza multietnica, nonostante occasionali dichiarazioni intolleranti da parte di politici, religiosi e i media”.

Bisogna fare di più, invece, per la comunità LGBT: “Si tratta del più comune bersaglio di atti e discorsi d’odio, anche da parte di leader religiosi”. E, ad aggravare la situazione, c’è il fatto che la nuova legislazione contro i crimini d’odio è raramente applicata a causa dell’inesperienza delle forze dell’ordine e della magistratura.

L’Ecri, in conclusione del rapporto, auspica e chiede che nei prossimi due anni le autorità creino un sistema di raccolta dati sugli incidenti e sui discorsi razzisti e omofobi.

Fonte: Ansa

Leggi   Test Torino, il presidente di Arcigay Bologna: "Ma quale omofobia"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...