Morta Sylvia Rivera: scatenò Stonewall

di

E' morta Sylvia Rivera: lanciò un tacco a spillo nella rivolta di Stonewall e cominciò l'orgoglio gay nel mondo (un ricordo di Massimo Consoli)

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
993 0
993 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Sylvia Rivera e’ morta ieri, 19 febbraio, alle 5.30 del mattino, al St.Vincent’s Manhattan Hospital di New York, in seguito ad un cancro al fegato. Aveva 50 anni. La notizia e’ stata diffusa dal reverendo Pat Bumgardner della Metropolitan Community Church, una delle chiese gay piu’ importanti degli Stati Uniti, ed e’ stata pubblicata dal "New York Times" di oggi (che lo scrittore David Thorstad ha provveduto ad inviarci subito, insieme ad altre informazioni).

Aveva cominciato la sua avventura come prostituto, battendo il marciapiede fin dall’eta’ di 10 o 11 anni. All’epoca si chiamava Ray, ed era un grazioso maschietto. Presto prese coscienza della sua identita’ e della sua realta’, offrendo aiuto e assistenza alle giovani marchette che, aveva visto, morivano presto per una coltellata, od una overdose o finivano intrappolate in una vita senza senso e senza scopo, come racconto’ a Martin Duberman ("Stonewall", Dutton, 1993).

Piu’ tardi apri’ un rifugio che ribattezzo’ "STAR House" (STAR = Street Transvestite Action Revolutionnaires). Ben presto rimase delusa dalla politica perbenista della maggioranza del movimento gay che, addirittura, all’inizio degli anni ’70 vide la "Gay Activists Alliance" togliere i travestiti dall’elenco delle proprie priorita’. Tutto questo la spinse alla droga ed al vagabondaggio finche’ fini’ a vivere in un magazzino abbandonato del porto di New York. Io l’ho conosciuta proprio in quel periodo, nel giugno e luglio 1989, quando mi trovai di nuovo in citta’ per partecipare ai festeggiamenti per il 20. anniversario dello Stonewall. Ad una riunione dei vari leader sopravvissuti presso il "Gay and Lesbian Communitity Services Center", Ray "Sylvia" Rivera (come mi scrisse su un biglietto) prese la parola aggredendoli per la loro scarsa memoria.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...