Muore di AIDS a 32 anni rifiutato dalla famiglia: la denuncia di Arcigay Napoli

Condividiamo questa tragica vicenda, segnalata da Arcigay Napoli:

Antonio (nome di fantasia) è un ragazzo omosessuale originario del beneventano che il prossimo giugno avrebbe compiuto 33 anni: vittima dell’ignoranza, è morto ieri di Aids. A raccontare la sua assurda storia è Rosario Ferro, infettivologo e responsabile salute di Arcigay Napoli.

“Me lo presentò due anni fa un collega dell’ASL dove presto servizio sapendo che collaboro con l’Arcigay. Aveva bisogno di essere inquadrato clinicamente. Quando ha scoperto di essere sieropositivo, Antonio è stato allontanato dalla famiglia. Da un giorno all’altro si è ritrovato senza casa e lavoro. Con l’aiuto di alcuni colleghi lo abbiamo sistemato in un appartamento per studenti ai Decumani e, nonostante lo stadio avanzato della malattia, abbiamo tentato una terapia. Non ha mai perso la fiducia nella guarigione ma a causa di una complicazione ieri ci ha lasciato. Ha sperato fino all’ultimo di riconciliarsi con la madre. Ma inutilmente perché neanche al cospetto della pietà per la morte c’è stata riconciliazione”

“Non si può morire a 30 anni di omofobia, solitudine e stigma per una malattia come l’AIDS – dichiara Antonello Sannino, presidente di Arcigay NapoliLa storia di Antonio ci dimostra quanti e quali pregiudizi esistono ancora nella nostra società circa le Malattie a Trasmissione Sessuale. Chiediamo che le autorità locali, a partire dalla Regione Campania riattivino subito percorsi di collaborazione con le Associazioni (a partire dalla Consulta regionale delle associazioni per la lotta all’AIDS) e campagne serie di informazione e sensibilizzazioni (a partire dalle scuole) sulle Malattie a Trasmissione Sessuale e sulle paure e i pregiudizi ad esse collegate. Chiediamo che vengano facilitati i percorsi per i nuovi test rapidi sulle MTS”.

Leggi   Hiv, in Sicilia infezioni su del 18,61%: "C'è poca informazione"