Napoli: trans umiliata dal personale ospedaliero rinuncia al ricovero

di

Nonostante i documenti d’identità della donna fossero in sintonia con la sua identità di genere, gli operatori sanitari incaricati di portarla in reparto l’hanno continuamente derisa.

CONDIVIDI
405 Condivisioni Facebook 405 Twitter Google WhatsApp
6130 1

Nunzia, trans registrata come donna all’anagrafe, ha preferito rinunciare alle cure e andare via dall’ospedale San Giovanni Bosco, piuttosto che continuare a subire le battute e le provocazioni del personale paramedico della struttura a cui si era rivolta per problemi cardiaci. “Questa dove la mettiamo?” ripetevano gli inservienti dopo il suo arrivo. Nonostante i documenti d’identità della donna fossero in sintonia con la sua identità di genere, gli operatori sanitari incaricati di portarla in reparto l’hanno continuamente derisa rivolgendosi a lei al maschile e discutendo su quale reparto fosse il più adatto.

A denunciare il fatto è stato l’assessore alle Pari Opportunità del Comune di Napoli, Daniela Villani: “La signora Nunzia per non sostenere l’attacco gratuito e inaccettabile ha deciso di rinunciare alle cure ed è andata via. L’Amministrazione comunale di Napoli è da sempre in prima fila sui diritti civili e contro le discriminazioni, per l’inclusione e il rispetto alle diversità. Combattiamo l’ignoranza e vogliamo costruire una città contro ogni discriminazione, in cui le persone (maschi, donne, etero e LGBT) siano educate al rispetto reciproco per la vittoria della comunità e della sensibilità”. L’assessore comunale si è detta “costernata per l’accaduto” e ha rivolto le sue scuse alla signora Nunzia “a nome della città. Siamo al suo fianco”, invitandola poi a contattare l’assessorato.

Come esponente della Razza UMANA, come donna e come Assessore alle Pari Opportunità Comune di Napoli condanno il…

Pubblicato da Daniela Villani su Sabato 30 luglio 2016

Arcigay Napoli è intervenuta, per ribadire che bisogna “garantire l’uguaglianza e la dignità di tutti i cittadini”. Arcigay ha ricordato anche che “non si tratta del primo caso di questo tipo che si verifica nello stesso ospedale: nel 2014 Pina, una donna transgender, fu ricoverata nel reparto maschile e denudata alla presenza degli altri degenti. L’intervento di alcuni attivisti ha portato il sindaco Luigi de Magistris a emanare una direttiva rivolta a tutti i presidi ospedalieri della città in cui si ribadiva la responsabilità dei professionisti, la dignità dei pazienti, i diritti umani inviolabili alla salute, la privacy e spazi riservati in casi doppiamente sensibili”.

Arcigay Napoli ha richiesto allora “ancora una volta un tavolo di confronto tra tutte le autorità responsabili delle Pari Opportunità a livello locale”. Perché il diritto alla salute e alla cure non può essere in discussione e in contesti sensibili come quello ospedaliero è inaccettabile che ci si possa imbattere in fenomeni del genere, soprattutto ci si trova nel momento del bisogno, vulnerabili e in cerca di aiuto.

Leggi   Kenya, il test anale sui gay è stato dichiarato illegale
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...