Nasce il CODS-Veneto

di

Verrà presentata ufficialmente sabato l'autonomia tematica su diritti civili e libertà individuali dei Democratici di Sinistra del Veneto.

556 0

Viene presentata ufficialmente alla stampa, sabato 6 ottobre 2001, la nascita del CODS-Veneto, un’autonomia tematica dei Democratici di Sinistra strutturata a livello nazionale, che si definisce ufficialmente CODS – Autonomia Tematica sui diritti civili e le libertà individuali.

Primo esordio del CODS Veneto, il 9 settembre alla Festa dell’Unità provinciale di Padova, con l’organizzazione del dibattito: ‘La sinistra dei diritti’. Presenti alla serata l’on. Franco Grillini, deputato DS, e l’on. Elena Paciotti, europarlamentare DS.

Gli obiettivi che il CODS si prefigge sono:

· la difesa della laicità dello stato: tutte le forme di convivenza civile devono essere riconosciute, i diritti originari di libertà devono essere estesi a tutti i cittadini. Il nostro ruolo è quello di riappropriarsi dell’idea forte di morale laica, di sostenerla e di diffonderla all’interno del partito e dell’opinione pubblica.

· recepimento da parte dello Stato italiano delle risoluzioni del Parlamento Europeo sui cittadini omosessuali.

· grande attenzione verso i soggetti più deboli vittime delle aggressioni, dei soprusi, dei ricatti, rifiutando ogni forma di razzismo, xenofobia e discriminazione.

· adesione alla campagna per la moratoria della pena di morte nel mondo

Tra gli obiettivi dei fondatori, quello di coinvolgere tutte le persone interessate a costruire e portare avanti un progetto politico e culturale all’interno del partito dei Democratici di Sinistra, affinché i ritardi e le reticenze sulla questione omosessuale, e più in generale sulle libertà individuali, vengano superati.

"La costituzione del CODS – spiega Alessandro Zan, coordinatore regionale e presidente Arcigay di Padova – nasce dalla necessità di spingere il più grande partito della sinistra italiana a farsi portavoce e promotore delle istanze di gay, lesbiche e transessuali, visto che molte persone sono ancora costrette a nascondersi anche a causa della mancanza di una qualunque tutela giuridica."

In quest’occasione Alessandro Zan presenterà il primo progetto che il coordinamento ha intenzione di realizzare: la richiesta di istituire i registri comunali delle unioni civili nelle maggiori città del Veneto.

Il CODS-Veneto si riunisce presso la sede DS: Circolo "Il Porto" in Via Marzolo, 52 (zona Portello) Padova ogni 3° sabato del mese.

Info 349-1442959; mail: cods.veneto@libero.it.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...