Nasce Lovering, l’anello nuziale per gay

di

Per la prima volta nasce un anello che istituzionalizza un dato di fatto: l'amore. Quello che trascende razze, età, sesso, status. In vendita anche su Gay.it.

545 0

MILANO – Per la prima volta nasce un anello che istituzionalizza un dato di fatto: l’amore. Quello che trascende razze, età, sesso, status. Un simbolo che significa unione senza condizioni. Non a caso il debutto di Lovering avviene il 21 ottobre in occasione del primo matrimonio gay che si celebra in Italia, a Roma, presso il Consolato di Francia. Alessio de Giorgi, presidente di gay.it, il principale media gay italiano, e Christian Panicucci ufficializzano la propria unione scambiandosi Lovering. Una doppia vera in oro giallo e oro bianco, che fissa nella memoria un momento importante della vita e della scelta di due individui.

"Ci sono due specie di persone. Ci sono quelli che vivono, giocano e muoiono. E ci sono quelli che si tengono in equilibrio sul crinale della vita" dice Maxence Fermine nel bellissimo racconto "Neve" scrivendo di un amore limpido e trasparente, leggero e splendido. Un amore sospeso su un filo di neve. Un sentimento immenso e misterioso. Che oggi Lovering suggella con un anello che sa di intima alchimia.

Lovering parla di libertà, di affetti che la vita ha cementato, di solidarietà e di impegno reciproco. E non solo. Esprime il valore intrinseco di oggetto di per sé emotivamente eloquente. Per tutta la vita? Forse. Per una settimana? È bello comunque. Persino per un solo giorno. Ma comunque sempre quando si ha bisogno di dire che l’amore c’è ed è grande, al di là di ogni limite. Dentro, ma anche fuori dalla formula del classico matrimonio.

Lovering: doppia vera in oro giallo e oro bianco, simbolo dell’unione anche di fatto, costa 720 Euro la coppia. Con brillanti – dieci per ogni anello per un totale di O.14 carati – 1.000 Euro la coppia. In vendita, dal 19 ottobre 2002, nella boutique Luisa Via Roma a Firenze e anche on line al seguente indirizzo: www.gay.it/lovering.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...