New York: coppia gay aggredita con un mattone, arrestati due ragazzini

di

"Tutto ciò è assolutamente fuori dal mondo, ci stavamo solo godendo la giornata" hanno raccontato i due.

CONDIVIDI
211 Condivisioni Facebook 211 Twitter Google WhatsApp
5945 0

Stavano semplicemente camminando sottobraccio quando due ragazzini hanno cominciato ad apostrofarli con epiteti omofobi: da qui alla violenza è stata questione di attimi.

Tanner Gardella, 25 anni, e Gino Boffa, 26, sono le vittime di un pesante attacco omofobo avvenuto a New York, nel distretto di Brooklyn.

I due stavano camminando sottobraccio alle sei di pomeriggio in quel di Williamsburg, uno dei quartieri più modaioli e gay-friendly di Brooklyn, quando due ragazzini di 13 e 15 anni hanno cominciato ad urlare “froci”.

Gino, il più grande d’età dei due, li ha affrontati chiedendo loro di ripetere quanto detto. Nel giro di poco tempo, però, la situazione è degenerata: i due ragazzini li hanno aggrediti verbalmente e fisicamente, con sputi e con – particolare agghiacciante – con un mattone.

Alla vista del mattone Tanner e Gino si sono dati alla fuga, inseguiti dai due minorenni a cui nel frattempo si sono aggiunti sei amici. Durante l’inseguimento uno degli otto ha lanciato il mattone addosso a Tanner, ferendolo lievemente alla gamba, che con Gino è comunque riuscito a scappare.

Subito dopo le due vittime hanno chiamato la polizia: poco dopo i due ragazzini sono stati trovati nelle vicinanze (nessuna traccia degli altri sei) e arrestati con l’aggravante del crimine d’odio e della molestia.

Non abbiamo fatto niente. Ci stavamo solo godendo la giornata e ci hanno attaccati solo perché omosessuali. È tutto pazzesco, assolutamente fuori dal mondo” hanno raccontato alla stampa.

Leggi   Israel Folau omofobo, la replica degli All Blacks: 'sei disgustoso'
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...