Nicole Kidman sostiene il matrimonio gay in Australia e chiede agli americani di supportare Trump

di

"Trump è stato eletto, come nazione dobbiamo appoggiarlo".

CONDIVIDI
36 Condivisioni Facebook 36 Twitter Google WhatsApp
5164 1

Nicole Kidman non è solita esporsi politicamente ma ora ha ritenuto di doverlo fare su due questioni: il matrimonio egualitario in Australia e il supporto negli Stati Uniti a Donald Trump.

L’attrice 49enne, cittadina sia americana che australiana, ha la possibilità di votare in entrambi i Paesi. Kidman e il marito Keith Urban tra l’altro rientrano tra quelle poche star americane che hanno votato ma non hanno detto se per Trump o per Hillary Clinton.

Sottolineando che non si ritiene schierata con alcun partito politico, ma che valuta le singole questioni e decisioni, Kidman ha detto al The Victoria Derbyshire Show che ora è tempo che gli Stati Uniti seguano il loro Presidente: “Lui è stato eletto e noi come Paese dobbiamo sostenere il nostro Presidente. Questo è ciò su cui si basa il nostro Paese. Comunque sia successo, è successo“.

All’attrice è stato chiesto anche cosa pensa del matrimonio omosessuale, anche in riferimento al suo Paese d’origine, l’Australia, dove molti politici stanno ostacolando l’iter istituzionale per arrivare alla parità dei diritti: “Io ci credo. Credo nel permettere alle persone di amarsi e di condividere le loro vite“.

Penso proprio che dovremmo restar fuori da questo tipo di questioni della gente. Io adoro quando la gente si ama e vuole un riconoscimento legale perché ciò vuol dire protezione, e anche il fatto di dirsi impegnati…è una cosa meravigliosa“.

 

 

Leggi   Ragazzo costretto a cambiare università a causa delle minacce omofobe
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...