No a Cipro antigay nell’UE

di

La piccola nazione mediterranea che cerca di farsi ammettere nell'Unione Europea dovrà accelerare le riforme che cancellino le discriminazioni verso gli omosessuali.

896 0

Cipro, che sta facendo il possibile per essere ammesso nella Unione Europea, è profondamente diviso sulle questioni che riguardano i diritti dei gay.

La scorsa settimana, infatti, il paese ha subito una battuta d’arresto nella corsa all’ingresso nell’Unione quando il parlamentare europeo olandese Lousewies van der Laanm vice-presidente della commissione di controllo del budget del parlamento europeo, ha scritto una lettera al gruppo di Cipro di negoziatori con l’Unione Europea. «Mi aspetto presto che le leggi anti-discriminazione di base vengano applicate. I diritti dei gay sono diritti umani e come tali non sono negoziabili».

Nei prossimi 18 mesi ci si aspetta che l’UE pressi Cipro per far sì che l’età del consenso legale per attività sessuale tra maschi consenzienti venga portata da 18 a 16 anni, in linea con quella prevista per i rapporti etero, che il matriomonio gay e i diritti delle coppie vengano assicurati e che venga fermata la discriminazione sul luogo di lavoro.

di Gay.com UK

Leggi   Non può salire in ambulanza con il compagno, accusa i medici di omofobia
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...