Obama ai leader lgbt: “Aspettate e giudicatemi per i fatti”

di

Il presidente ha ricevuto 300 esponenti della comuità gay, lesbica e trasessuale nell'ambito delle commemorazioni per il 40esimo di Stonewall. "Non vi chiedo pazienza, ma di giudicare i...

512 0

Il presidente Obama ha ricevuto ieri circa 300 tra i leaders della comunità gay statunitense nella East Room della Casa Bianca, nell’ambito delle commemorazioni per quarantesimo anniversario dell rivolta di Stonewall e del mese del Orgoglio lgbt. Obama ha riconosciuto Frank Kameny come pioniere dei diritti lgbt e nei confronti del quale il governo ha recentemente presentato le proprie scuse per averlo licenziato in quanto gay. Obama è stato interrotto dallo squillo di un cellulare che somigliava più al verso stridulo di una papera che alla suoneria di un telefono.

Sul problema delle azioni promesse in campagna elettorale, Obama ha dichiarato: "So che molti in questa stanza non credono che il progresso sia arrivato abbastanza velocemente, e lo capisco. Non sta a me chiedervi di avere pazienza, come altri chiesero Africano Americani che chiedevano uguaglianza di diritti mezzo secolo fa. Ma vi dico questo: abbiamo fatto dei passi avanti e ne faremo altri. E voglio che sappiate che mi aspetto e spero di essere giudicato non per le parole che ho detto, né per le promesse che ho fatto, ma per le promesse che la mia amministrazione ha mantenuto".

Leggi   California, esporre i partner all'HIV non sarà più un reato
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...