Olanda: matrimonio gay, si parte!

di

Dalla mezzanotte del 1° aprile entrano in vigore in Olanda le leggi che aprono matrimonio e adozione di bambini a coppie dello stesso sesso.

687 0

Sarà appena scoccata la mezzanotte nel Municipio di Amsterdam, quando il sindaco della città olandese, Job Cohen, unirà in matrimonio quattro coppie omosessuali.

Sì unirà in matrimonio, perché la legge olandese prevede la totale e completa equiparazione tra coppie sposate di sesso diverso e dello stesso sesso. E la scelta della mezzanotte, come ora simbolica che segna un confine tra ciò che è stato e ciò che sarà dopo non è stata fatta a caso: è stata scelta dal Comune di Amsterdam, dal Ministro della Giustizia e da quello della Sanità, insieme con le principali associazioni omosessuali olandesi, per porre fine a una battaglia durata 16 anni di completa emancipazione delle coppie dello stesso sesso. 16 anni sono infatti trascorsi da quando Henk Krol, uno dei principali leader del movimento gay olandese, diede vita alla battaglia per avere anche in Olanda una legge che equiparasse coppie gay e coppie eterosessuali.

La legge che entra in vigore il 1° aprile equipara quasi completamente il matrimonio di due persone dello stesso sesso a quello tra due persone di sesso diverso. Non è un “matrimonio gay”, cioè uno specifico istituto riservato alle coppie omosessuali, come avviene in Danimarca. E’ il matrimonio civile, fino ad oggi disponibile solo per le coppie eterosessuali. Le uniche differenze risiedono nell’impossibilità per i figli nati in un matrimonio omosessuale di… diventare Re o Regina d’Olanda; nell’impossibilità di adottare bambini originari di paesi diversi dall’Olanda; nella non applicabilità alle coppie gay della legge che presume la paternità del marito di un figlio nato all’interno di un matrimonio eterosessuale.

Insomma, differenze del tutto marginali rispetto alla grande portata rivoluzionaria che la legge ha. E gli olandesi, gay e non, sembrano aver compreso che cosa è in ballo: alla fine del 2000 sono già 10.804 le coppie, di cui 6.371 quelle gay, che hanno utilizzato la precedente legge sulle unioni civili e il cui legame sarà dalla nuova legge convertito in matrimonio civile.

Auguri ai gay ed alle lesbiche olandesi, quindi, che hanno la fortuna di avere una legge così avanzata; ed auguri a quegli italiane ed a quelle italiane che hanno la fortuna di poterla utilizzare perché vivono insieme ad un o ad una olandese.

L’evento sarà seguibile in diretta su http://www.amsterdam.nl/e_index.html

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...