Omicidio di trans: ultime novità

di

Sembra ormai certo che si tratti di un omicidio nato in seno all'ambiente della prostituzione, oppure una vendetta per porre fine a un ricatto.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
640 0

Alcune novità cominciano a trapelare nelle indagini sull’omicidio della trans brasiliana Marzia avvenuto a Torre del Lago la notte di domenica. Sembra quasi certo che l’omicidio sia avvenuto all’interno dell’ambiente della prostituzione: l’assassino avrebbe condotto la vittima in un luogo così isolato proprio per portare a termine una vera e propria esecuzione. Il colpo di calibro 9 che ha freddato la trans, infatti, non è partito in seguito a una lite o a una collutazione, come ha rivelato l’autopsia durante la quale non è stato possibile rilevare alcun segno di percosse sul corpo della vittima. Gli inquirenti, intanto, continuano a interrogare le colleghe di Marzia, pur ammettendo che "l’assassino potrebbe essere chiunque".

Della vittima comincia a emergere un ritratto più a tinte forti: Marcos Melo De Rosas, vero nome di Marzia, era schiava della cocaina e abituata a districarsi in situazioni molto complesse nelle quali si cacciava a causa del suo vizio. Inoltre, Marzia amava farsi fotografare in pose compromettenti in compagnia di amici e clienti, e può darsi che abbia usato queste immagini per ricattare qualcuno. L’assassino potrebbe essere addirittura una vittima di ricatti stanca di subire.

Leggi   Pride, gli omofobi dell'Osservatorio Gender lanciano consigli su come boicottarli
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...