ORMANDO IN BIBLIOTECA

di

L'opera dello scrittore siciliano che si dette fuoco in Piazza San Pietro sei anni fa per protestare contro l'omofobia vaticana, sarà donata per la nascita di una sezione...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
589 0
589 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


BAGHERIA (Pa) – Piero Montana, consulente per la realtà omosessuale del Sindaco di Bagheria in provincia di Palermo, ha annunciato di voler donare alla Biblioteca Comunale “Francesco Scaduto” di Bagheria, tutta l’opera inedita del poeta e scrittore nisseno Alfredo Ormando, morto suicida in piazza San Pietro a Roma il 13 gennaio di sei anni fa.La donazione vuole essere un punto di partenza per dare avvio alla creazione di una sezione libraria su tematiche omosessuali e di una videoteca gay di cinema d’autore all’interno della Biblioteca di Bagheria, che possa anche assolvere alla funzione di luogo culturale e ricreativo d’incontro per lesbiche ed omosessuali. Sezione libraria e videoteca sono idee contenute nel programma culturale finalizzato alla lotta all’omofobia ed al pregiudizio antigay, presentato recentemente dal consulente del Sindaco.L’opera di Alfredo Ormando di cui Montana intende fare donazione, consta di 26 volumi, comprendente romanzi, racconti, parodie, fiabe, aforismi, poesie, un epistolario ed un dizionario della letteratura siciliana. «Tale opera – afferma Piero Montana – può essere considerata unica nel suo genere, in quanto al di là dei suoi pregi e difetti prettamente letterari, è soprattutto una testimonianza eccezionale per chi è interessato alla storia del nostro costume e della repressione omosessuale ancora in atto nel nostro Paese. Copia di tale opera oggi viene custodita solo a Bagheria nella Casa-museo dell’eros “Piero Montana” ed a Roma da Massimo Consoli, uno dei fondatori del movimento gay italiano».«Nel sesto anniversario di quel tragico gesto, che, il 13 gennaio 1998, Alfredo Ormando compì a Roma a Piazza San Pietro, per protestate contro la repressiva morale vaticana, dandosi fuoco e morendo dopo 10 giorni di agonia ed atroci sofferenze, questa mia donazione, nell’arricchire considerevolmente il patrimonio librario della nostra biblioteca comunale, vuole avere un significato ed un valore prettamente simbolico nel ricordo di una catastrofe esistenziale, di una tragedia personale, di un suicidio eclatante, che a causa dell’omofobia e del pregiudizio antigay ancora imperante, può essere considerato “un omicidio sociale” ed ancora un drammatico grido di accusa contro tutte le ipocrisie, l’intolleranza del fondamentalismo cattolico, e le discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere».Per ricordare il suicidio di Alfredo Ormando, la comunità omosessuale si ritroverà il 13 gennaio alle ore 16 in Piazza San Pietro (in fondo a Via della Conciliazione) per una cerimonia commemorativa.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...