Oscurato il sito del Gay Village per la Regione Lazio

di

I dipendenti degli uffici del consiglio regionale del Lazio non possono accedere al sito del Gay Village che proprio domani inaugura la sua decima edizione. A denunciarlo il...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
11322 0

Come anticipato ieri da Gay.it, domani si inaugura la decima edizione del Gay Village a Roma, il più significativo evento culturale lgbt dell’estate romana. Peccato però che presso gli uffici del Consiglio regionale del Lazio non sarà possibile seguirne la programmazione attraverso il sito internet in quanto gli utenti non potranno accedervi perché il sito risulta oscurato. Una notizia che lascia perplessi coloro che avevano visto nella partecipazione della presidente Polverini all’Europride un segno positivo.

"Da un lato – ha dichiarato il Capogruppo del Partito Socialista Italiano Luciano Romanzi ad Agenzia Parlamentare – si continua a voler dimostrare che nei confronti delle tematiche LGBT c’è attenzione e dall’altra invece non si fa nulla di concreto per attuare una vera politica culturale e sociale che garantisca pari dignità a tutti i cittadini del Lazio. I socialisti del Lazio chiedono l’immediato ripristino delle funzionalità di accesso al sito www.gayvillage.it, la verifica ed il controllo sugli altri siti di informazione e cultura gay ma soprattutto – sottolinea Romanzi- chiediamo alla presidente Polverini la istituzione urgente di un tavolo di discussione con tutte le associazioni e le realtà regionali esistenti sui temi e sulle esigenze del mondo LGBT del Lazio".

Leggi   Pride, gli omofobi dell'Osservatorio Gender lanciano consigli su come boicottarli
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...