Osservatorio contro discriminazioni: un anno di buon lavoro

di

Un bilancio positivo quello del primo anniversario dell'Oscad, l'organismo voluto dal capo della polizia Manganelli per combattere le discriminazioni e nato in seguito alle violenze omofobe. I numeri.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1598 0

Un caso di discriminazione ogni tre giorni, 129 segnalazioni ricevute in un anno di attività, 11 persone arrestate e altre 33 denunciate. E’ il bilancio dell’Osservatorio per la sicurezza contro gli atti discriminatori della Polizia (Oscad), l’organismo voluto solo un anno fa dal capo della polizia Antonio Manganelli dopo l’ennesima aggressione ad un omosessuale, con l’obiettivo di mettere attorno ad un tavolo tutti i soggetti interessati per cercare di ridurre il fenomeno e soprattutto abbattere certi pregiudizi che sono alla base degli atti discriminatori. L’Osservatorio, presieduto dal vicecapo della polizia Francesco Cirillo, si è riunito ieri a Roma per mettere a punto ulteriori misure di prevenzione e contrasto e raccogliere i suggerimenti delle decine di associazioni che ne fanno parte, dalle Acli all’Arcigay, da Amnesty International alla Comunità di Sant’Egidio, dall’Unicef all’Unione delle comunità ebraiche. 

"La nostra ambizione – dice Cirillo – è quella di offrire a chi rimane vittima di episodi di discriminazione, di qualsiasi natura essi siano, un punto di riferimento sicuro. E dopo un anno di attività abbiamo fatto passi importanti in avanti". Ora però, spiega ancora Cirillo, "la priorità è far sì che l’Osservatorio possa crescere e farsi conoscere, in modo da diventare figura ‘centrale’ nella lotta alle discriminazioni, siano esse di natura religiosa o omosessuale. Sono previsti inoltre corsi di formazione per il personale delle forze di polizia chiamato ad occuparsi di certi temi affinché – precisa il vicecapo della polizia – nessuno possa sentirsi escluso anche dopo, all’atto della denuncia".

Attraverso la mail o il telefono (oscad@dcpc.interno.it – 0646542406/7) sono arrivate all’Oscad 129 segnalazioni. Di queste 56 costituivano reato: le relative indagini affidate a polizia e carabinieri hanno portato ad 11 arresti e a 33 denunce. Delle altre 52 segnalazioni che non costituivano reato, 34 riguardavano invece situazioni già definite e 18 sono state girate all’Ufficio nazionale antidiscriminazione razziale (Unar), cui spetta la competenza. Infine, 21 segnalazioni che riguardano il web sono state invece inviate alla polizia postale per i necessari accertamenti.

Leggi   Sentinelli di Milano, ancora minacce omofobe a Luca Paladini: "Chiederemo un'azione penale"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...