Paola Concia: “Mancano i fondi? Chiediamoli alle aziende”

di

Così l'onorevole del PD risponde ai tagli operati dalla ministra Carfagna sui fondi che dovevano finanziare una ricerca ISTAT sulle discriminazioni subite dalle persone LGBT.

560 0

"La Carfagna taglia? E io lancio un appello alle imprese italiane, perché mi aiutino a trovare i soldi per permettere all’ISTAT di completare l’indagine sulle discriminazioni per orientamento sessuale". A dichiararlo è l’on. Anna Paola Concia, deputata del Partito Democratico e portavoce del tavolo LGBT del partito di Veltroni, sul taglio operato dal Governo dei fondi stanziati per la ricerca dell’ISTAT sulle discriminazioni che subiscono gay e transessuali in Italia.

"Le aziende – continua la Concia – mi aiutino a trovare i 180.000 euro necessari all’ISTAT per concludere il lavoro: così, compiendo un atto di Responsabilità Sociale di Impresa, le stesse aziende aumenteranno il proprio valore economico-finanziario e contribuiranno al benessere della comunità". "Cara Carfagna – conclude la Concia – il denaro lo troviamo noi, e vedremo se il taglio dipende dai soldi o, come sospetto, dalla omofobia della destra italiana".

Leggi   Roma, ragazzo non può entrare in discoteca: "Perché sono gay?"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...