Paola Concia: “Mancano i fondi? Chiediamoli alle aziende”

di

Così l'onorevole del PD risponde ai tagli operati dalla ministra Carfagna sui fondi che dovevano finanziare una ricerca ISTAT sulle discriminazioni subite dalle persone LGBT.

"La Carfagna taglia? E io lancio un appello alle imprese italiane, perché mi aiutino a trovare i soldi per permettere all’ISTAT di completare l’indagine sulle discriminazioni per orientamento sessuale". A dichiararlo è l’on. Anna Paola Concia, deputata del Partito Democratico e portavoce del tavolo LGBT del partito di Veltroni, sul taglio operato dal Governo dei fondi stanziati per la ricerca dell’ISTAT sulle discriminazioni che subiscono gay e transessuali in Italia.

"Le aziende – continua la Concia – mi aiutino a trovare i 180.000 euro necessari all’ISTAT per concludere il lavoro: così, compiendo un atto di Responsabilità Sociale di Impresa, le stesse aziende aumenteranno il proprio valore economico-finanziario e contribuiranno al benessere della comunità". "Cara Carfagna – conclude la Concia – il denaro lo troviamo noi, e vedremo se il taglio dipende dai soldi o, come sospetto, dalla omofobia della destra italiana".

Leggi   Ischia: storica coppia gay aggredita e picchiata dai vicini
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...