PAOLA E CHIARA SI CONFESSANO

di

Esclusivo: Qx intervista la coppia musicale del momento. Le sorelle Iezzi raccontano i loro successi e le cadute, le loro opinioni su sesso, droga, adozioni gay.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
3679 0
3679 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Paola e Chiara saranno venerdì 10 agosto al Mardi Gras di Torre del Lago (LU) con un concerto memorabile. Per l’occasione riproponiamo questa intervista esclusiva rilasciata a Gay.it in occasione dell’uscita dell’album Television

Non è facile riportare un’intervista con Paola e Chiara Iezzi, 25 e 26 anni rispettivamente. Sono giovani, molto belle, socievoli, ottimiste. e impari subito a riconoscere la bionda dalla bruna (primo perché si presentano, poi perché lo ricordi: Chiara è la bionda). Il problema è un altro. Essere sicuri di cosa ha detto Paola e cosa ha detto Chiara ogni volta è impossibile. Perché, con l’invidiabile complicità che le unisce, capita che una inizi la frase e l’altra la finisca (pur avendo su alcuni argomenti idee molto diverse). Curiose e rilassate Paola e Chiara si arrendono alle domande e scherzano.

Qx: "Prima di tutto, ben trovate! Siete state in giro per l’Europa, mi han detto…"

Paola: "Sì, siamo state a Madrid"

Qx: "In Spagna andate forte?"

Chiara: "Tutta la risonanza europea è stata grande. Germania, Spagna, Grecia…".

Qx: "Cosa piace di voi, quando siete in altri paesi?"

Paola: "Il sound, il fatto che siamo sorelle. Il disco in Spagna l’hanno voluto tutto in spagnolo. E adesso incidiamo un pezzo in portoghese, una specie di bossa nova. E’ un rifacimento di Fino alla fine".

Qx: "Vorrei chiedervi qualcosa di questa ricchissima serie di ringraziamenti sul CD: c’è Gary Kemp, leader degli Spandau Ballet…

Chiara: "Gary lo abbiamo conosciuto nel backstage di Vota la Voce 5 anni fa, quando eravamo coriste e strumentiste con gli 883 e lui stava promuovendo il suo album solista. Una suonava la tromba, l’altra il flauto. Gary ci ha visto, si è incuriosito. Da lì siamo diventati un po’ amici, ci chiamava da Londra, gli mandavamo il disco tutti gli anni: si è appassionato a Vamos a bailar e ha scritto la versione inglese, quella che è andata in tutta Europa"

Qx: "Perché ringraziate Claudio Baglioni?"

Chiara: "Perché ci chiese di duettare con lui nel programma di Fabio Fazio in un periodo in cui non ci chiamava nessuno ed eravamo preda di una sfiducia mortale"

Leggi   Rifiuta le avances di un uomo sposato: viene arso vivo e buttato giù da un ponte

Qx: "E Andrea Pezzi?"

Paola e Chiara: "Lui, e tutta MTV ci hanno permesso di provare, di cambiare"

Qx: "Perché un disco come TeleVision, fortemente emotivo, dopo l’album di esordio ed "esservi perse" con Giornata Storica nei prati irlandesi?"

Chiara: "E’ nato dalla sofferenza del cambiamento. Il primo album era andato molto bene, l’esordio. perfetto. Il secondo album meno, la gente non ha capito, Sanremo è andato così così. Avevamo cambiato taglio di capelli e look, venivamo prese in giro, e questo ci ha fatto molto soffrire. Credo che lì sia nata la voglia di ricominciare tutto da capo. Resettare tutto e ripartire da zero, senza dimenticare. E quando le canzoni te le scrivi tu ti senti più autorizzato a cambiare."

Qx: "Perché una svolta pop-dance?"

Chiara: "Noi non siamo state nazional-popolari o tipicamente italiane. La curiosità ci ha spinto fuori d’Italia, a Berlino, Londra, Madrid, Dublino. Sentivamo la necessità di qualcosa che fosse passato e moderno insieme, e andasse bene a tutta l’Europa."

Qx: "Perché il nome TeleVision?"

Paola: ""Television in greco/latino è visione da lontano, mettersi da fuori e osservare in maniera atarassica, quasi immobile. Diventare specchio degli altri per allontanarsi dalla propria sofferenza".

Qx: "Chi scrive la parole e chi la musica?"

Paola e Chiara: "C’è una buona collaborazione. Ognuno porta le sue emozioni, e questo poi non è un disco autobiografico. Ci siamo molto appassionate alle storie della gente, a quello che ci gira intorno, e abbiamo notato come molte volte le storie degli altri fossero più interessanti della nostra, e poi anche i racconti di certi libri o di certi film. Nei periodi in cui scrivi, e non sei impegnato, ti coinvolgono e ti lasci prendere. Prima partivamo da noi e parlavamo di noi agli altri. Poi è successo il contrario: abbiamo ascoltato, per riconoscerci in quello che gli altri ci hanno detto. L’ombra di Vamos a bailar ad esempio è forse una persona, forse una situazione: quello che non ti permette di essere al massimo delle tue possibilità. Abbiamo utilizzato l’elemento della danza come metafora del sentimento: tu balli sulle ceneri della tua disperazione, cercando di ritrovare un sentimento, e non quel cinismo al quale ti abitui quando stai male."

Leggi   In arrivo a Londra un corso per cucinare con lo sperma

Chiara: "Ci sono due cose che puoi fare quando stai male, o ti abbandoni alla disperazione più cupa oppure cosa fai? Ti metti a ballare… Ironia! "

Qx: "Un paragone che qualcuno ha fatto: i Pet Shop Boys. Vi piacciono?"

Paola e Chiara (in coro): "Mooltoo"

Qx: "Quali sono i vostri artisti italiani preferiti?"

Paola: "Battiato, Mina"

Qx: "E stranieri ?"

Chiara: "George Michael, la sintesi totale di pop, rock, blues…"

Paola: "David Bowie . A noi piacciono quelli che cambiano. Bisogna sospettare di quelli che, abituati a vendere tanto, tornano sempre su se stessi e non cambiano per paura. E’ innaturale dopo due anni essere sempre la stessa persona. E non c’entra col fatto di essere un’icona o meno. David Bowie è un’icona proprio perché non s’è mai fermato. E Madonna, uguale. La matrice sei tu, ed è più forte della musica che fai o del vestito che indossi"

Qx: "Voi viaggiate molto: l’Italia è un paese che va avanti?

Paola: "L’Italia soffre di una sindrome di arretratezza, un legame contraddittorio con la tradizione. All’estero questo è meno evidente. Anche se alla fine io amo l’Italia "

Chiara: "Anche se all’estero si esce di più, i ragazzi giovani hanno un vero culto del divertimento, e le persone si lasciano molto più andare. In Italia è come fossero bloccati"

Qx: "Sapevate di essere un cult per una parte della popolazione gay?"

Chiara: "(risata a due) Ci era arrivato qualcosa!!! Ci hanno detto che al Gay Pride Vamos a Bailar era praticamente un inno e ne eravamo orgogliosissime. Attraverso le mail ci hanno detto che in molti club gay impazziscono per la canzone…"

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...