Parola partner al posto di papà per rispetto a genitori gay

di

Nel vademecum inglese dedicato ai futuri genitori è stata sostituita la parola "papà" con la più neutrale "partner". "E' un linguaggio più inclusivo", spiegano dal servizio sanitario nazionale.

829 0

In tempo di pari opportunità, anche la parola "papà" può suonare stonata. Accade in Inghilterra, dove è bufera su una decisione presa dal Servizio sanitario nazionale dopo alcune critiche da parte della comunità gay. Nella versione aggiornata e rivista della guida Ready Steady Baby, un vedemecum in 220 pagine dedicato ai neo e futuri genitori e distribuito dal 1998 in oltre 700 mila copie, il National Health Service ha infatti sostituito il termine "dad" o "father" con la dicitura più generica "partner".

"Un linguaggio più inclusivo, in particolare nei confronti di coppie composte da persone dello stesso sesso", spiega un portavoce del Nhs, sezione scozzese, replicando alle proteste di gruppi di famiglie e consumatori. A riferire dell’acceso botta e risposta è il quotidiano Telegraph. "Le attività del Servizio sanitario nazionale non dovrebbero prevedere lo sperpero del denaro dei contribuenti per sostenere la causa di un gruppo di interesse minoritario", sostiene Norman Wells del Family Education Trust. "Non importa quanti sforzi si facciano per presentare un’immagine positiva delle famiglie costituite da coppie di partner dello stesso sesso", incalza. Per Wells, "il punto resta uno solo: ci vogliono un uomo e una donna per concepire un bambino".

Attacchi al quale il Servizio sanitario di Sua Maestà reagisce con britannico understatement: "Rivedere le pubblicazioni su base annua, o anche più spesso, è una pratica standard", precisa il portavoce del Nhs. Non solo. "Quando la protesta della comunita’ gay e’ stata ricevuta – assicura – il testo della guida era gia’ stato sottoposto alla sua revisione annuale. I cambiamenti erano già stati fatti e la nuova edizione e’ stata stampata nel dicembre 2011". Novantamila copie riscritte, al costo di 100 mila sterline.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...