Per il Papa l’amore tra gay è “anarchico”

di

Joseph Ratzinger ribadisce le sue posizioni contro le coppie gay, quelle non sposate e contro contraccezione e aborto.

928 0

ROMA – Papa Benedetto XVI ha aperto ieri il congresso ecclesiale diocesano ritrovando i toni e i modi di quando era a capo della Congregazione per la dottrina della fede (l’ex Sant’Uffizio). Parlando per la prima volta delle unioni tra omosessuali da quando è stato eletto papa le ha definite “espressione di libertà anarchica che si fa passare a torto per vera liberalizzazione dell’uomo” aggiungendo poi che “scacciano Dio dall’uomo” e sviliscono l’amore. Le coppie di fatto poi, anche quelle etero, sempre più comuni e diffuse, sarebbero forme “odierne di dissoluzione del matrimonio”.

Severe critiche anche a tutte quelle coppie che decidono di comune accordo di non avere figli: Ratzinger ha detto che pensare di non avere figli e “sopprimere o manomettere la vita che nasce” sono cose contrarie “all’amore umano, alla vocazione profonda dell’uomo e della donna”. Le coppie che usano metodi di contraccezione andrebbero contro natura, bloccando “sistematicamente” la possibilità del “dono della vita”.

Il papa tedesco ha tuonato anche contro una sessualità libera, mezzo per molti per conoscere e valorizzare il proprio corpo. Tutto questo libertinismo a suo dire sarebbe “in realtà un dualismo che rende spregevole il corpo, collocandolo per così dire fuori dall’autentico essere e dignità della persona.” Ai preti ha ricordato che hanno il dovere di “contrastare il predominio distruttivo del relativismo nella società e nella cultura” e ai legislatori “il valore unico e insostituibile della famiglia fondata sul matrimonio e la necessità di provvedimenti legislativi e amministrativi che sostengano le famiglie nel compito di generare ed educare i figli».

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...