Pesci d’Aprile

di

Er Pecora, la pillola dell’eterosessualità e l’omosessualità nella specie ittica

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
605 0
605 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Mai sentito parlare della difficile vita dei pesci omosessuali? Certo che no. Se visitando il nostro sito ieri vi siete imbattuti in una singolare intervista a Richard Fish, docente di ittiologia, presso la prestigiosa Sea, River & Lake University, sorridete: era un pesce d’aprile.

Alcuni visitatori saranno rimasti probabilmente a bocca aperta, proprio come farebbe un pesce, quando domenica, a partire dalla mezzanotte, hanno scorso la prima pagina del loro sito preferito.

L’articolo di apertura era firmato Antonio Zagari e con ironia punta il dito contro la discriminazione del pesce gay, ribatteva alle dichiarazioni di alcuni politici e tracciava una malinconica e quanto poco veritiera vita sociale degli omosessuali nell’acquario.

Ma non era l’unico pesce sulla prima del più letto media gay italiano. Paola Faggioli ha fatto il resoconto parlamentare della discussa nuova legge presentata da Teodoro Buontempo e da Gianfranco Fini che riconosce le coppie gay e impone loro l’obbligo di adottare almeno tre figli nei primi anni del loro matrimonio. Ampia soddisfazione è stata espressa dal ministro della famiglia, Franco Grillini.

L’ultimo articolo raccontava di una sensazionale scoperta: la pillola che una volta assunta rende per 4 ore eterosessuali gli omosessuali e omosessuali gli eterosessuali. Grandissima la soddisfazione nella comunità gay che non vede l’ora di testare l’omosessualità di questi eterosessuali…

Infine il link diretto alla sala del Comune di Amsterdam dove il sindaco della città olandese ha unito a mezzanotte in matrimonio le prime quattro coppie omosessuali. Ma questo ma non era un pesce d’aprile, è la bellissima realtà di un paese, l’Olanda, avanti mille anni luce rispetto a noi.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...