Pieraccioni: “Gli italiani pronti ai matrioni gay”

di

Dal Festival Teatro Canzone Gaber di Viareggio, il regista toscano accusa la politica di non essere pronta, al contrario degli italiani, ad accettare matrimoni e adozioni gay: "Ipocrisia...

955 0

"La politica non è pronta, ma noi italiani sì". E’ la dichiarazione di Leonardi Pieraccioni, attore e regista toscano, rilasciata a TgCom a margine del Festival Teatro Canzone Gaber a proposito del matrimonio gay. "Le pressioni del Vaticano e certe posizioni ‘antiche’ della stampa ci mostrano come un Paese retrogrado. Ma non è così – continua Pieraccioni -. Trovo che ci sia una ipocrisia di fondo micidiale. Ma mi spiegate perché due gay o lesbiche devono andare in Spagna a sposarsi? Queste cose fanno ridere, anche se non dovrebbero far ridere".

"Ecco, io vorrei un giorno spiegare alla ‘mi figliola’ tra cinque-sei anni – auspica il regista dopo aver cantato "Bambini G" e "Destra sinistra" di Gaber – quanta curiosità inutile c’era sui gay in Italia e di quanto sposarsi sia assolutamente una cosa giusta e naturale".

Nessuna remora neanche sulle adozioni per le coppie gay. "Ovviamente! Ma avete visto come sono belli e sereni i bambini di Ricky Martin – chiede retoricamente Pieraccioni dal dietro le quinte del festival di Viareggio -? Come diceva Giorgio Gaber in ‘Non insegnate ai bambini’ "Date fiducia all’amore il resto è niente". 

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...