Pisapia: “Trascritti oggi i primi matrimoni gay celebrati all’estero”

di

Con buona pace di Alfano, anche il primo cittadino di Milano ignora la circolare di Roma.

4215 0

“Oggi pomeriggio ho firmato personalmente, in qualità di ufficiale di Stato Civile, la trascrizione di sette matrimoni tra persone dello stesso sesso che si sono celebrati all’estero” lo scrive su Facebook Giuliano Pisapia, primo cittadino del capoluogo lombardo.

Anche il sindaco di Milano prosegue sulla strada dei diritti nonostante le direttive del Ministro Alfano che, con una circolare, ha intimato le amministrazioni comunali a non trascrivere i matrimoni tra persone dello stesso sesso celebrati all’estero.

“Si tratta di un atto nel pieno rispetto della Legge che prevede questo obbligo quando si tratta di matrimoni celebrati legittimamente secondo le norme dei Paese in cui si sono svolti – ha proseguito il primo cittadino – Spero che quanto stanno facendo in questi giorni molti sindaci serva anche a sollecitare il Parlamento a varare una legge nazionale che possa superare ogni forma di discriminazione”.

Pisapia segue l’esempio di Virginio Merola (Bologna), Brenda Barnini (Empoli) e di tutti i colleghi che hanno scelto di disobbedire alle direttive di Roma.

Leggi   Milano, aggressione omofoba a sassate tra minorenni
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...