Più vicino il vaccino anti-Aids

di

Gli scienziati riuniti nella conferenza di Filadelfia si dicono ottimisti.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Un vaccino anti-Aids potrebbe essere messo a punto presto: è questo il messaggio ottimista che viene dalle prime battute di una conferenza internazionale in corso a Filadelfia, a vent’anni dalla scoperta della malattia e del virus che la causa, l’Hiv.

Il ‘presto’ va inteso in termini scientifici. La ricerca, condotta negli Stati Uniti e in molti altri Paesi, ha fatto progressi, ma deve ancora colmare lacune: ci vorrà una decina d’anni, secondo previsioni ragionevoli, per potere sperimentare sull’uomo i primi vaccini.

Organizzata da una fondazione per la ricerca e lo sviluppo di un vaccino anti-Aids e animata da oltre 1.100 delegati, medici e ricercatori di tutto il mondo, la conferenza basa il proprio ottimismo sulla migliore conoscenza del sistema immuno-deficitario umano.

Ma gli scienziati denunciano che altri terreni di ricerca, più nuovi di quello sui vaccini, ‘battuto’ da circa duecento anni, attirano energie e finanziamenti, a detrimento degli sforzi anti-Aids. Un’altra incognità e la diversità dei lavori in corso: c’è più di un tipo di vaccino allo studio e alcune piste potrebbero rivelarsi inefficaci.

Complessivamente, però, c’è più ottimismo oggi che in passato. In una dichiarazione alla stampa, David Baltimore, uno degli organizzatori, ha detto: "Oggi penso che i vaccini che vengono ora testati saranno in grado di fornire un livello d’immunità che farà la differenza".

La presenza ai lavori di Filadelfia del presidente del Ruanda Paul Kigame contribuisce ad attirare l’attenzione della conferenza sull’Africa, dove si contano la maggior parte dei 22 milioni di vittime che l’Aids ha fatto finora e dove, soprattutto, vi sono il maggior numero di malati e il peggiore tasso di diffusione della malattia. (Red)

di Nadir notizie

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...