Poliziotto gay: il caso si chiude con una mini-multa

di

Il caso di Fabrizio Caiazza, il poliziotto milanese che aveva posato in divisa per una rivista gay, si è chiuso con una multa irrisoria. E a Gay.it dice:...

1596 0

Milano"Una multa pari a 4 ore di retribuzione" (circa 60 euro) sono le parole scritte nella sanzione che l’amministrazione comunale ha fatto pervenire oggi a Fabrizio Caiazza, il poliziotto milanese colpevole di aver posato per la rivista gay Clubbing con la divisa di ordinanza senza l’autorizzazione necessaria.

"E’ la dimostrazione che quanto avevano scritto su di una possibile sospensione o sugli attriti fra me e i miei colleghi era tutto falso" ha detto Caiazza a Gay.it. "Ho sentito il comandante dopo aver ricevuto la multa – ha aggiunto il poliziotto – ed è stato felice che il caso sia finito con una semplice multa."

Ma i colleghi non sono stati gli unici a dare al poliziotto attestazioni di stima e affetto per la vicenda in cui è rimasto coinvolto. "Si sono fatte sentire anche diverse personalità politiche – ha rivelato Caiazza – tra cui esponenti di centrodestra". E alla domanda su un possibile contatto del vicesindaco De Corato, il poliziotto ha risposto: "No, ma ha fatto il suo dovere di capo della Polizia."

"Adesso penso alla televisione – ha proseguito Caiazza – Le offerte sono state tante ma finché non mi proporranno qualcosa per cui ne valga davvero la pena la mia vita rimarrà nel nucleo dei motociclisti della polizia milanese."

Leggi   Tendenze Moda: il ritorno del marsupio
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...