Pride Genova: Il Prefetto vuole già vietarlo

di

Il Gay Pride sarebbe incompatibile con la festività del Corpus Domini. Lo ha detto il Prefetto di Genova Anna Maria Cancellieri. E precisa: risolto questo i gay sono...

619 0

Genova – Nella polemica sulla scelta di Genova come città sede del Gay Pride nazionale 2009 interviene anche il prefetto della città, cioè colui (anzi, colei in questo caso) che dovrà garantire l’ordine e la sicurezza oltre che concedere l’autorizzazione all’evento.

Anna Maria Cancellieri, a margine di un incontro con il sottosegretario agli Interni Nitto Palma e i prefetti della Liguria, ha dichiarato a chi gli chiedeva un commento sulla coincidenza di date tra il Corpus Domini e il Gay pride del 13 giugno 2009: «Non vedo una compatibilità tra le due manifestazioni. Risolto questo problema, non credo ce ne siano altri».

La Cancellieri ha poi precisato: «È fondamentale che i due eventi non coincidano lo stesso giorno. A parte questo, liberissima qualsiasi manifestazione, che avrà tutte le tutele».

Al pensiero del prefetto di Genova si aggiunge la nota stampa diramata nella giornata di ieri dalla curia ligure secondo cui le ricostruzioni dei giornali sul presunto "sì" del cardinale Bagnasco al Pride di Genova non hanno nessun fondamento. "Raggiunto lunedì dalle domande di alcuni giornalisti mentre era fuori sede, in pellegrinaggio in Terra Santa con i suoi diocesani – si legge nella nota – il Cardinale ha semplicemente richiamato le regole della buona educazione che valgono sempre, in ogni caso, da parte di qualsiasi interlocutore"

Leggi   Fondò l'Arcigay: a 76 anni Pietro Tarallo si unisce civilmente per la prima volta
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...