Prima iscrizione al fondo chimici di un convivente gay

di

Un dipendente del fondo di previdenza dell'industria chicmica ha ottenuto l'iscrizione del partner. Entrambi sono iscritti come coppia nel registro delle unioni di Milano.

3712 0

Il fondo nazionale di assistenza sanitaria per i lavoratori dell’industria chimica ha accolto la richiesta di un dipendente, di iscrizione del convivente dello stesso sesso, in virtù della iscrizione come coppia nel registro delle unioni civili di Milano da poco istituito. "Alla luce di una recente sentenza della Corte d’Appello", si legge in una nota del Faschim, Fondo nazionale di assistenza sanitaria per i lavoratori dell’industria chimica, chimico-farmaceutica.

Durante la seduta del Cda del 15 novembre scorso "il Fachim ha deciso all’unanimità di ammettere la richiesta, da parte di un dipendente, di iscrizione del convivente dello stesso sesso, che adduceva, a supporto della sua richiesta, il Registro delle unioni civili istituito presso il Comune di Milano, a cui lui e il proprio compagno si sono iscritti, con rilascio di regolare certificazione".

Il segretario confederale della Uil, Paolo Pirani ha detto che "si tratta di una decisione importante: un primo passo in direzione del riconoscimento dei diritti civili, troppe volte negati, di coppie omosessuali". La decisione è motivata con "una giusta interpretazione della previsione statutaria del Fondo in tema di convivenza ‘more uxorio" e con il precedente della "sentenza della Corte d’Appello che accoglieva il ricorso di un dipendente di una Banca di Credito Cooperativo volto a ottenere l’iscrizione del proprio compagno convivente alla Cassa mutua nazionale per il personale di tali istituti di credito".

Leggi   Tendenze Moda: Cammello
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...