Primo test sull’uomo per vaccino anti-Aids

di

I ricercatori definiscono il nuovo vaccino anti Aids, la cui sperimentazione sull'uomo è cominciata da poco, come "promettente".

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
571 0

SAN DIEGO (California) – I ricercatori definiscono il nuovo vaccino anti Aids, la cui sperimentazione sull’uomo è cominciata da poco, come “promettente”.
I test sul vaccino, chiamato EP HIV-1090, si stanno svolgendo in Botswana e negli Stati Uniti e sono stati lanciati dal HIV Vaccine Trials Network (HVTN).
E’ la prima sperimentazione che si svolge contemporaneamente negli Stati Uniti e in Africa, e la prima in assoluto dell’HVTN a svolgersi in Africa.
«Questa sperimentazione segna un nuovo stadio nella ricerca globale sull’HIV. L’Africa sta portando il peso maggiore nella epidemia di Aids, ed è per questo cruciale che lo sviluppo di un vaccino HIV coinvolga i leader, la partecipazione e il sostegno africani» ha detto il dott. Larry Corey, membro dell’HVTN.
L’EP HIV-1090 è stato realizzato dal DNA prodotto sinteticamente dall’Epimmune, azienda farmaceutica con sede a San Diego, California.
I piccoli frammenti di DNA forniscono delle proteine specifiche simili a quelle dell’HIV. Queste proteine hanno alcuni elementi, chiamati epitopi, che in questo caso preparano il corpo al riconoscimento del vero HIV.
La compagnia ha detto che è impossibile che qualsiasi componente di questo candidato vaccino possa causare l’infezione da HIV: Lo scopo e la speranza è che il corpo cominci a imparare a accumulare difese contro il vaccino, così che possa combattere e sconfiggere il vero HIV, nel caso che venisse esposto al virus vero.
Quarantadue volontari stanno prendendo parte alla sperimentazione, 36 dei quali riceveranno questo candidato vaccino, e sei un placebo.
I dati verranno elaborati dopo il periodo di sperimentazione, che dura 18 mesi. Dopo di ciò, si deciderà i lprossimo stadio di sperimentazione.

Leggi   Harry e Meghan, come regalo di nozze donazioni a un'associazione che si occupa di Hiv
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...