Il programma presidenziale repubblicano: via matrimoni gay, sì a terapie per curare omosessualità nei minori

di

Presentato il GOP Platform, il programma repubblicano per le presidenziali: il suo contenuto è agghiacciante.

CONDIVIDI
2k Condivisioni Facebook 2k Twitter Google WhatsApp
43816 1
I gay che votano Partito Repubblicano sono serviti. Lo stesso Log Cabin, il gruppo che rappresenta a Washington gli interessi del movimento LGBT all’interno del partito repubblicano, ha espresso la sua rabbia per quella che considera la peggiore azione politica omofoba da decenni.

Donald Trump ha vinto. La sua linea politica è ora tradotta in programmi presidenziali che saranno discussi e presentati alla imminente convention repubblicana a Cleveland, Ohio, il 18 luglioDopo il “placet” dato da Trump ai leader evangelici anti-gay una settimana fa, il programma repubblicano è diventato il più retrogrado di sempre sul fronte dei diritti LGBT.

La prima cosa che balza all’occhio per la violenza insita nella proposta stessa è quella di abolire ogni divieto di curare l’omosessualità nei minori tramite le terapie riparative (spesso portate avanti da comunità religiose senza alcun criterio scientifico ma con sofferenze fisiche e psicologiche irreparabili). Per il partito repubblicano è diritto inalienabile dei genitori decidere quali cure somministrare ai figli minorenni, senza alcuna interferenza esterna, giudici compresi.

Sul matrimonio gay si sono inventati addirittura un assurdo che avrà un forte impatto mediatico: “I matrimoni tra uomo e donna sono quelli che assicurano una prole che non crescerà tossicodipendente o con altri danni psicologici e comportamentali“. Il partito si impegna a chiedere alla Suprema Corte di annullare la sentenza sui matrimoni gay approvata nel giugno 2015 e di nominare giudici che siano fedeli ai valori conservatori.

Non ci saranno più leggi a favore delle persone trans e nel programma si cita la libertà religiosa come prioritaria rispetto alla legislazione anti-discriminazione delle persone LGBT. Tradotto, si potrà discriminare persone e coppie omosessuali in nome del credo religioso. “È il programma più retrogrado in 162 anni di storia del partito“, afferma Gregory Angelo, presidente (repubblicano) di Log Cabin.
Se Donald Trump diventa presidente, questo diventerà automaticamente il programma di governo portato avanti dal suo partito. Ieri Bernie Sanders, con il suo endorsement alla Clinton, aveva proprio messo in guardia l’opinione pubblica dei rischi di una vittoria repubblicana e della perdita ruolo centrale della Corte Suprema. Il Presidente infatti deve nominare alcuni giudici supremi ed è essenziale preservare la maggioranza democratica all’interno della Corte, se non si vogliono buttare via otto anni di conquiste nel campo dei diritti civili.

Vale la pena di notare che il partito repubblicano ha scelto di annunciare il suo programma contro i diritti LGBT proprio a un mese esatto dalla strage di Orlando.

Leggi   Stati Uniti, speaker radiofonica: "Gay sono la punizione di Dio per l'aborto"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...