"DIO SA CHE SONO GAY"

di

Stati Uniti, continua la 'cacciata' dei preti gay. Ma dalla Metropolitan Community Churches, congregazione cattolica rivolta a fedeli gay, si alza una voce contro. - S. Giannoni, in...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
510 0
510 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


NEW YORK – Continua ad allargarsi a macchia d’olio la serie delle notizie sugli scandali legati agli abusi sessuali sui minori da parte dei preti cattolici negli Stati Uniti. Scandali che hanno portato l’attenzione della Chiesa di Roma sui preti gay, proprio perchè l’età delle vittime le includeva non più nella categoria dei bambini (in questo caso si sarebbe trattato di pedofilia), ma in quella degli adolescenti, e da qui la condanna dell’omosessualità da parte della Chiesa cattolica come un disordine della persona. L’ultima notizia – fino a questo momento – uscita sui giornali americani, è quella intitolata dal New York Times: La storia dell’abuso da parte di un Pastore gay sciocca una cittadina del South Dakota".

Una vicenda che risale a tredici anni fa quanto il prete cattolico, gay, James A. Forsythe si dichiarò colpevole di abusi sessuali su un ragazzino di quindici anni. Fu condannato a 120 giorni di carcere per reati minori. Uscito dalla prigione si rifugiò nella Metropolitan Community Churches- una congregazione religiosa rivolta a fedeli gay -, diventandone, poi, Reverendo.

"Siamo fortemente intolleranti contro gli abusi sessuali sui bambini – ammette il portavoce della Metropolitan Community Churches, Jim Birkitt – ma siamo anche una Chiesa della seconda possibilità. Abbiamo voluto dare a Forsythe un’altra chance". E, la scorsa settimana il quotidiano The Kansas City Star aveva riportato alla luce questa vicenda di violenza – ripresa poi dal quotidiano newyorkese -, mettendo la MCC sotto la luce dei riflettori, e schioccando la piccola e conservatrice cittadina di Rapid City che era venuta così a conoscenza dell’esistenza di una Chiesa rivolta a un pubblico fatto di gay, lesbiche e transessuali. E in questo clima di caccia alle streghe verso i preti gay negli Usa da parte della Chiesa di Roma, la paura da parte della polizia di Rapid City che questa vicenda possa portare ad episodi di intolleranza della cittadinanza non solo verso Forsythe, ma anche verso gli altri membri e i fedeli della congregazione religiosa.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...